Post in evidenza

IL SILENZIO DELLA SOLITUDINE


Il silenzio della solitudine


Il silenzio della solitudine porta l’artista a riannodare i fili dei suoi pensieri per ancorarli nella memoria e farli riemergere nel momento creativo in climi che raccontano dialoghi interiori: angosce esistenziali o ricerca di sprazzi di aspettative che necessitano d’essere fissate per uscire dai tormenti. Grovigli di sensazioni s’incrociano in racconti che trovano le linee conduttrici in garze che, ricoprendo antiche canape o fili del ricordo, suturano le ferite del tempo che ha deluso i sogni. Per l’artista la ricerca dell’Io si fa urgente in pennellate e segni che vogliono ammantare lo smarrimento creato dagli eventi. Così i fogli si riempiono di filati e colori; di storie che sgorgano accavallandosi e saldandosi precipitosamente sino trovare la conclusione in una catarsi che porta Luigi De Giovanni a sprofondare nei meandri dei suoi turbamenti per ritrovarsi in sensazioni di pacato rasserenamento: di sottile gioia di vivere. I racconti si librano e i fogli prendono vita su stenditoi che attraversano lo spazio seguendo il ritmo di una brezza di speranza che va oltre il tempo per dare, finalmente, voce al silenzio della solitudine.

21 luglio 2018 Federica Murgia

Post in evidenza

Andare oltre il paesaggio


ANDARE OLTRE IL PAESAGGIO


Luigi De Giovanni
Il ritorno di un artista alla sua terra d’origine è una ricomposizione di un essere che, benché spesso lontano, trova, lì, il suo spirito, la sua interezza. E’ ciò che capita a Luigi De Giovanni ogniqualvolta fa ritorno nel suo Salento: a Specchia. Qui dipinge il paesaggio, accarezzandolo idealmente sulla tela, con pennellate che inseguono le asperità, i contorcimenti, le luci di un luogo mai dimenticato. Ripensa alla Sardegna, per lui terra dei misteri e d’ispirazione, per ritrovarsi in un gioco di memorie e di parallelismi cromatici che intersecano lo spirito.
Nelle opere di questo artista l’Io e l’Es si manifestano in segni e colori rubati alla natura e suggeriti dal genius loci.
Paesaggiooltrepaesaggio è il titolo del ciclo di mostre, che hanno preso il via il giorno 09 ottobre a Lecce, per proseguire a Lucugnano e a Specchia, che narrano il percorso di una ricerca continua, spirituale e stilistica, di essenze, anche inanimate, che caratterizzano i luoghi. Il titolo di questi eventi porta a porsi, nell’analisi delle sue opere, come ricercatori di significati, sia nei gesti che hanno originato le pennellate che nel concento dei colori, non sempre armonici. Le scudisciate veloci di pennello, i colpi intensi, che si fanno leggerissimi inseguendo il suo animo, si materializzano nell’interpretazione di paesaggi, dove le asprezze dell’enigmatica Sardegna si ritrovano nelle pietraie e negli antichi contorcimenti dei tronchi degli ulivi salentini. Nella mostra della bellissima Galleria Bernardini di Lecce è il paesaggio che racconta, mentre nella Casa Comi di Lucugnano, dove ancora si respira la cultura e il tempo passato, parlano i fiori, vita delle nature morte. Sono i fiori che declinano i tempi della vita. Le aspettative tradite di chi nato nella speranza di una gioia senza fine e si ritrova a fare i conti con il tramonto dell’esistere: la vecchiaia e la morte.
Nella piccola galleria Sutta Le Capanne Dellu Ripa c’è l’urlo dei jeans che, oltre il paesaggio, sono simbolo di sacrifici, ribellione: di un’epoca che ha cambiato i modi di pensare… i modi di vivere. I jeans sono paesaggi dell’animo che raccontano il lavoro ma evocano la contestazione sessantottina: dove si ode ancora l’urlo tumultuoso delle piazze in rivolta. Sono uno status simbolo di una società che finge d’averli usati e strappati indossandoli, solo, dopo averli artefattamente logorati.
Questo ciclo di esposizioni mettono in luce il mondo dell’artista che, partendo dal paesaggio del Salento, terra d’origine, dal paesaggio enigmatico della Sardegna, terra che lo ha accolto, nel suo peregrinare alla ricerca di una pace che poteva trovare solo in se stesso, indagando i fiori, nature morte che raccontano la vita, si sofferma sui jeans, indumenti che hanno significato una rivoluzione non solo di costume, presenta il suo modo d’intendere l’arte in tre mostre che vogliono essere percorso del suo animo, delle sue angosce, del suo modo di percepire la natura e la società. Federica Murgia

Post in evidenza

Profiles of his soul


Sutta e Capanne du Ripa: un piccolo ma caratteristico spazio, che vanta un bel porticato che, anche questo, si anima dei colori d’opere, Profiles of his soul.

Le opere di Luigi  De  Giovanni diventano per lo spettatore un dialogo  con il suo animo.

Parlano raccontando gioie e drammi, dolore e felicità, serenità e angoscia, guerra e pace: sensazioni dell’esistere.

I colori, le pennellate, tracciano il profilo dell’animo dell’artista rendendoci partecipi di quel suo vivere intimo, che si manifesta solo con le opere: libri aperti  dei suoi sentimenti.

La lettura talvolta può apparire semplice, ma all’attento osservatore è chiara la realtà del suo percepire e del suo raccontare.

I tocchi neri di colore sembrano uno squarcio nell’anima, un urlo che si sente anche se celato dall’apparente gioia dei fiori.

L’urlo si fa più chiaro, quando si osservano i jeans, in essi squarci, brandelli, tagli e colori lanciano all’unisono un grido di morte, non sempre ascoltato.

E’ la vita su questa terra che si fa sempre più drammatica e l’artista ne coglie appieno il significato ferale fissandolo sulle tele.

In molte opere si palesa l’angoscia, la disperazione, la paura, ma questo non significa che la felicità non sia  presente nell’animo dell’artista.

La felicità è presente in paesaggi sfiorati dalle tempeste, in fiori scompigliati da una brezza impertinente, nei dipinti che raccontano il trascorrere delle stagioni, nei colori che parlano rasserenando il suo animo e il nostro.

Essa è, inoltre, presente nei colori che delineano scorci di natura illuminata da una solare luce di vita; in fiori  che sprizzano colori vitali ma anche in quelli che hanno perso i petali e parlano di  vita compiuta. E’ l’artista che ci dona un profilo dell’esistere che è quello del suo animo.  

Paesaggi, fiori sono opere prive di scritte urlanti, apparentemente in contrasto con i jeans ma profondamente riconducibili ad essi  nelle pennellate violente e cariche e nei colori.

Basta osservare le pennellate, alcune volte date come se si usasse uno stiletto affilatissimo altre date come una carezza. Graffi sulla tela che scavano, incidono, come  incidono le ferite su un corpo o su un animo, o un soffio di pennello che raddolcisce i cuori.

Un animo sensibile che non si lascia governare dall’angoscia, ma, trova motivi in uno spiraglio alla fiducia alla vita, all’amore, alla natura. 

Il racconto sulle tele, autobiografico, traccia il profilo dell’animo di De Giovanni, profiles of his soul.

Specchia  9 agosto ’06                                                    Federica  Murgia

Post in evidenza

Ricordi mostra di Luigi De Giovanni a Cardigliano Specchia Lecce


ELIOS

…il luogo e l’arte, la terra e l’artista in un’alchimia che proprio nella luce trova la sua essenza…

Un luogo dà vita ad un artista e questi ne diventa l’espressione, l’humus loci di quel posto l’accompagna, gli suggerisce luci, colori, sentimenti, anima.
Elios è il titolo di questa mostra, perché il variare della luce è ciò che ricerca Luigi De Giovanni nelle sue opere, perché il sole è motore della vita, luce e ombra delle cose.
Il Salento è luce e Specchia, borgo che ha dato i natali all’artista, (Specla) è cumulo di pietre che riflettono la luce che lo colpisce e la riverbera sulle cose che in un istante si animano di vita in modo tale che l’artista possa fissarla nei quadri.
L’arte di De Giovanni è racconto concatenato di luce, luogo e colori.

Le opere in mostra, non necessariamente solo paesaggi, sono riconducibili al Salento, ma in esse, nella loro multiforme luce che palesa allo spettatore un luogo, spesso dell’animo, si avverte questa, da lui amatissima, terra.
Gli alberi, contorti dal tempo, degli ulivi, la terra rossa, i fiori, i colori, le luci dei dipinti raccontano di questa terra in un rimando costante che porta al tempo che passa e all’immutata natura.
Cardigliano è una piccola parte di Specchia ma ne è l’essenza concettuale, infatti, in esso si ritrovano tutte le antiche fatiche degli Specchiesi fissate in una struttura che, se pur riattata, conserva intatte le simbologie e gli elementi della vita contadina e della lavorazione del tabacco.
Oggi è un posto elegante, bello, razionalmente ristrutturato nel rispetto dell’esistente e dell’ambiente, adibito a vacanze, convegni e arte.
Le opere dell’artista, cantico alla natura, sono esposte nella “Sala degli Ulivi e il critico d’arte Toti Carpentieri ne dà una lettura che è proprio un riscoprire l’interiorità dell’artista legato al luogo. F. Murgia

<< IMMAGINARE GIARDINI AL LIMITE DELL’ASTRAZIONE

Nel testo scritto nel millenovecentonovantanove per “Luci del paesaggio pugliese. Tra miti, realtà e riferimenti”, la rassegna tenutasi a Bari in occasione della seconda edizione di “Art&Maggio”, ad un certo punto, dopo aver ricordato alcune affermazioni legate alle specificità della nostra attenzione nei confronti del paesaggio (quelle edizioni californiane di “Immagine Puglia” all’inizio degli anni Novanta) e non senza aver pensato a quelle “suggestioni della natura” cui faceva riferimento Vincenzo Ciardo in Piccolo cabotaggio riferendosi agli artisti pugliesi, ci chiedevamo: “Ben oltre la ‘forma’, quindi, qual è il senso del paesaggio?”.
Quesito, questo, che si ripropone oggi in tutta la sua attualità nell’osservazione dei lavori di Luigi De Giovanni che costituiscono il percorso espositivo di questo nuovo incontro/ritorno, nel quale in maniera quanto mai accentuata l’occhio sembra muoversi dal generale al particolare, in una sorta di zoomata che lo porta a fermarsi sulla naturalità floreale e sulle sue molteplici e variopinte manifestazioni. Ampliandosi, anche, per tutto un susseguirsi di richiami (il loro riaffiorare dal mare della memoria) che mettono insieme le “grottesche” e Giovanni da Udine, ma anche i fioranti napoletani, il “Talismano” -quel piccolo paesaggio a colori puri dipinto da Paul Sérusier sul coperchio di una scatola per sigari nel milleottocentottantotto- e infine la “Rosa nera” di Georges Braque e “A che punto siamo con i fiori” di Concetto Pozzati. Rivendicando, quasi, e ben oltre la disputa tra specie e sottospecie, quell’autonomia di “genere” tanto ricercata nel Seicento.
Così, ben oltre le leggibili ed aspre raffigurazioni che accomunano il paesaggio pugliese di Specchia e la geografia isolana dell’Ogliastra e di Seulo, e del crescendo cromatico di una natura aggrovigliata ed intricata, è sulla suggestione delle presenze floreali che Luigi De Giovanni manifesta il suo essere pittore (l’organica proposta di questa “particolare” mostra salentina), anche se certe immagini –qui non esposte- nelle quali la natura diviene segno, consentendo alla gestualità di appropriarsi dell’opera in tutta la sua interezza e significazione, sembrano aprire a nuove e personali soluzioni.
E in un rincorrersi di bianchi e di blu, di rossi e di gialli, di aranci, di verdi, di viola, di infinite variazioni cerulee e trasparenze ialine, il pittore costruisce –grazie ad una particolare sensibilità compositiva- giardini immaginari (ma fino a qual punto?) al limite dell’astrazione, fermando così sulla tela financo le fioriture troppo brevi e consentendo alla luce –protagonista assoluta delle sue opere- di manifestarsi, tra forme e colori, come il corpo stesso della materia. In una sorta di permanente e riprovata fedeltà alla natura che, svelando e testimoniando la bellezza, sembra accrescere ogni plausibile coinvolgimento sensoriale, fino a farci percepire –muovendoci tra i dipinti- quel “tenue profumo di primavera” di cui scriveva Nicola Lisi, vivace reminiscenza di un’età ormai divenuta memoria. Toti Carpentieri >>

Post in evidenza

Profiles of his soul.


Profiles of his soul

SUTTA E CAPANNE DU RIPA: un piccolo ma caratteristico spazio, che vanta un bel porticato che, anche questo, si anima dei colori d’opere, Profiles of his soul.

Le opere di Luigi De Giovanni diventano per lo spettatore un dialogo con il suo animo.

Parlano raccontando gioie e drammi, dolore e felicità, serenità e angoscia, guerra e pace: sensazioni dell’esistere.

I colori, le pennellate, tracciano il profilo dell’animo dell’artista rendendoci partecipi di quel suo vivere intimo, che si manifesta solo con le opere: libri aperti dei suoi sentimenti.

La lettura talvolta può apparire semplice, ma all’attento osservatore è chiara la realtà del suo percepire e del suo raccontare.

I tocchi neri di colore sembrano uno squarcio nell’anima, un urlo che si sente anche se celato dall’apparente gioia dei fiori.

L’urlo si fa più chiaro, quando si osservano i jeans, in essi squarci, brandelli, tagli e colori lanciano all’unisono un grido di morte, non sempre ascoltato.

E’ la vita su questa terra che si fa sempre più drammatica e l’artista ne coglie appieno il significato ferale fissandolo sulle tele.

In molte opere si palesa l’angoscia, la disperazione, la paura, ma questo non significa che la felicità non sia presente nell’animo dell’artista.

La felicità è presente in paesaggi sfiorati dalle tempeste, in fiori scompigliati da una brezza impertinente, nei dipinti che raccontano il trascorrere delle stagioni, nei colori che parlano rasserenando il suo animo e il nostro.

Essa è, inoltre, presente nei colori che delineano scorci di natura illuminata da una solare luce di vita; in fiori che sprizzano colori vitali ma anche in quelli che hanno perso i petali e parlano di vita compiuta. E’ l’artista che ci dona un profilo dell’esistere che è quello del suo animo.

Paesaggi, fiori sono opere prive di scritte urlanti, apparentemente in contrasto con i jeans ma profondamente riconducibili ad essi nelle pennellate violente e cariche e nei colori.

Basta osservare le pennellate, alcune volte date come se si usasse uno stiletto affilatissimo altre date come una carezza. Graffi sulla tela che scavano, incidono, come incidono le ferite su un corpo o su un animo, o un soffio di pennello che raddolcisce i cuori.

Un animo sensibile che non si lascia governare dall’angoscia, ma, trova motivi in uno spiraglio alla fiducia alla vita, all’amore, alla natura.

Il racconto sulle tele, autobiografico, traccia il profilo dell’animo di De Giovanni, profiles of his soul.

FEDERICA MURGIA

Post in evidenza

“L’immaginazione al potere


Dai figli dei fiori all’urlo nel buio

“L’immaginazione al potere”
Dai figli dei fiori all’urlo nel buio

Questa mostra è la percezione dell’evoluzione dei costumi e dei pensieri politici, che l’artista ha voluto descrivere con le poetiche di colori e segni che ci fanno percorrere un viaggio nei conflitti di un’epoca che, anche con terribili eventi, ha cambiato la visione della società e del mondo nonché dell’arte. L’idea è scaturita in De Giovanni dalla sensazione di un attimo che gli fece veder sviliti gli sforzi e, anche, le vite di tanti rivoluzionari e idealisti che combatterono per i loro sogni di libertà, uguaglianza, fratellanza: purtroppo concetti ancora lontani dalla coscienza di molti uomini.
La percezione dell’oggi che lui avvertì quando si voltò attratto da una scritta su una t-shirt che diceva “ho una maglietta del Che e non so perché” fu un flash che lo catapultò nel passato. Fu così che si rivide con i sogni giovanili che animavano la sua creatività e crescevano come i suoi lunghi capelli biondi, leggermente ondulati. Risentì l’eco degli slogan del sessantotto, urlati a gran voce, che avevano reso “L’immaginazione al potere” rivoluzione permanente e, purtroppo, dolorosa per molti. Da quel momento l’urgenza della pittura, catartica del suo inconscio, lo portò davanti alla tavolozza e i gesti forti e malinconici lasciarono le tracce sulla tela, dove si materializzò il suo grido metaforico di colori e simboli che si combinavano e diventavano creatività senza condizionamenti. Si liberava nell’animo dell’artista l’urlo interiore di ricerca di giustizia e libertà. I simboli riemersero nelle sue opere, raccontando i sogni di popoli che vi avevano creduto, ma qui si tingevano delle lacrime e del sangue di tante persone che non vi avevano prestato fede e che erano state discriminate o sterminate.
Così nelle pastose tinte l’artista ha amalgamato bandiere d’ideali, spesso traditi, con gli slogan che promettevano un mondo più giusto per tutti.
Nelle sue ultime opere l’amarezza si legge nelle scritte fatte con pennellate che denunciano la rabbia e la delusione di una persona che aveva creduto e si ritrova a percorrere idealmente le conquiste ma anche i fallimenti di un secolo che con le tragedie e le guerre per il potere ha fatto sì che le ingiustizie perseverassero mentre i poveri rimanevano poveri e i ricchi diventavano sempre più ricchi.
In questa mostra De Giovanni racconta l’oggi ritrovando una società dove le banche e i poteri economici decidono la sorte dei popoli. Una realtà che stridente con il sogno e le teorie dei grandi rivoluzionari che applicarono le idee dei pensatori. Contraddizioni, fra modi di vivere e ideali, che si ritrovano anche nel riferimento a Capri, luogo d’incontro di grandi filosofi che propugnavano la rivoluzione del popolo e il riscatto dei poveri, ma stavano in un luogo per ricchi.
È così che le sensazioni dell’artista si sono accavallate sino a concentrarsi nelle opere, alcune modulari, in un racconto che porta al 14 luglio, data della Presa della Bastiglia e, anche, non a caso, dell’inaugurazione della mostra che è stata aperta con la performance di un gioioso lancio di acquerelli che volevano simboleggiare speranza per un mondo più giusto. I jeans, che diventarono divisa dei giovani sessantottini che inseguivano le utopie, dialogano con i libri che ebbero allora grande significato, sono oggi fatti diventare dall’artista installazione: monito di grandi ideali disattesi. Federica Murgia

Post in evidenza

LA MIA STORIA


Luigi De Giovanni

Biografia

Luigi De Giovanni nasce il 12 Febbraio del 1950 a Specchia (Lecce).

Sin dalla più tenera età esegue disegni ed acquerelli seguito dalla madre.

1967 dipinge assiduamente e fa la sua prima mostra collettiva.

1969 si diploma all’Istituto d’Arte di Poggiardo.

1970 comincia a dipingere in maniera informale usando tecniche miste e

   collage.

1974 si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Roma.

1970 / 1978 segue il Corso Libero del Nudo. 

1973 con il maestro Avanessian inizia lo studio dell’imprimitura delle

   tele e l’uso delle terre.

1974 si perfeziona nella tecnica ad olio.

1980 sperimenta la tempera all’uovo; realizza alcune opere con un

         unico filo conduttore “ le scalate sociali”.

1986  collaborazione con la Galleria degli Artisti – CAGLIARI

1988 sperimenta tecniche miste con l’uso di materiali di scarto simbolo di

       “rifiuto” quali: segatura, trucioli metallici, pezzi di gomma inservibili,

       carta e tessuti e successiva performance con lancio di uova.      

1988 inizia il rapporto con la Galleria “Mentana” di Firenze che lo presenta  alla Fiera Arco di Madrid. 

1990 comincia a realizzare e ad esporre opere che hanno come filo

           conduttore “l’angoscia nella società attuale” e comincia ad

           usare i vecchi jeans come tele per le sue opere a carattere

           sociale e come pittosculture, con successiva installazione.

1998  collaborazione con la Galleria La Bacheca – CAGLIARI 

2000  Collaborazione con la Galleria Della Tartaruga – ROMA  

2000  comincia a fare installazioni con i jeans e vari altri materiali o oggetti.

2003  Collaborazione con la Galleria “III Millennio”  Venezia

2011  performance con coinvolgimento del pubblico.

MOSTRE PERSONALI 

1978 – Rocca Pia – TIVOLI 

1980 – Galleria Arcobaleno – MILANO 

1980 – Biblioteca Civica – UBOLDO 

1981 – galleria Michelangelo – SASSARI 

1981 – Galleria Il Colore – CAGLIARI 

1983 – Biblioteca Comunale – TRICASE 

1984 – Arredostil – CAGLIARI 

1986 – Arte in Studio – ROMA 

1986 – Galleria degli Artisti – CAGLIARI 

1987 – Biblioteca Comunale – TRICASE 

1987 – Arredostil – JERZU 

1988– Galleria degli Artisti – CAGLIARI 

1988 – Galleria Marchioni – OLBIA 

1988 – Sala Consiliare – ARITZO                                                                   

1988 – Circolo Culturale Dolia – DOLIANOVA 

1989 – Arredostil – JERZU 

1989 – Sala Consiliare – ARITZO 

1989 – Locali Comune – NURAMINIS 

1989 – Locali Comune – SERRENTI  

1989 – Vecchio Municipio – DOLIANOVA 

1989 – Ipermercato Iperpan – CAGLIARI 

1989 – Circolo Culturale Dolia – DOLIANOVA 

1989 – Galleria degli Artisti – CAGLIARI 

1990 – Galleria degli Artisti – CAGLIARI 

1990 – Galleria Alba – FERRARA 

1990 – Galleria La Gioconda – MURAVERA 

1990 – Galleria Marchioni – OLBIA 

1990 – 14 Festa dell’Amicizia – CAGLIARI 

1990 – Arredostil – JERZU 

1990 – Arti in Sa Lolla – QUARTUCCIU 

1990 – 100 personali per 100 artisti – FIRENZE 

1991 – Galleria Studio d’Arte due – VENEZIA 

1991 – Galleria Mida – OLBIA 

1991 – Galleria Il Colore – CAGLIARI 

1991 – 100 personali per 100 artisti – FIRENZE 

1992 – I grandi maestri e firme emergenti dell’Arte italiana –  CHIANCIANO 

1992 – Pro Loco – ESTERZILI 

1992 – Fiera Pittori d’Ogliastra – CAGLIARI 

1992 – Galleria Il Prato dei miracoli – PISA 

1992 – Palazzo Affari – FIRENZE 

1993 – Circolo Ufficiali Salone d’onore Scuola di Guerra –  CIVITAVECCHIA 

1993 – Arredostil –JERZU 

1993 – Circolo Culturale Dolia – DOLIANOVA 

1993 – Biblioteca Comunale – TRICASE 

1993 – Arte Contemporanea – PERUGIA 

1994 – Galleria Il Prato dei miracoli – PISA 

1994 – Galleria Il Colore – CAGLIARI 

1994 – Galleria Europ Art Group – FERRARA 

1994 – Arredostil – JERZU 

1995 – Galleria Il Prato dei Miracoli – PISA 

1995 – Biblioteca Comunale – TRICASE 

1995 – Biblioteca Comunale – DOLIANOVA 

1995 – Arredostil – JERZU 

1996 – Galleria Mentana – FIRENZE 

1996 – Sala Consiliare – JERZU 

1996 – Galleria il Prato dei Miracoli – PISA 

1997 – Galleria il Prato dei Miracoli – PISA                                         

1997 – Fortezza da Basso – FIRENZE 

1998 – Galleria La Bacheca – CAGLIARI 

1998 – Galleria Mentana – FIRENZE 

1998 – Museo Palazzo Atzori – PAULILATINO 

1999 – Circolo Culturale Dolia – DOLIANOVA 

1999 – Galleria Mentana – FIRENZE 

2000 – Galleria La Bacheca – CAGLIARI 

2000 – Galleria Il Tempo Ritrovato – MILANO 

2000 – Galleria Mentana – FIRENZE 

2000 – Galleria Della Tartaruga – ROMA 

2000 – Galleria il Prato dei Miracoli – PISA 

2000 – Galleria Raggio Verde – LECCE “Contraddizioni”

           dal   16/12/200 al 06/01/2001

2001 – “Caschi Bianchi Europa” Roma “Un modo d’intendere la                

             pittura”  dal 21/04/ al 17/05

2001 – Galleria “Mentana” Firenze “ Segni e Forme” dal 06 al 21/10

2001 – Galleria “ La Bacheca “ Cagliari “…..questo e questo….solo un modo

           per intendere la pittura……..” dal 20 al 31/10

2002 – “Club Internazionale Lyceum” Firenze “Luce e Colori” dal 1 al 14/02 

2002 – “Castello Carlo v ” Lecce “ L’uomo soffiò e……..”   dal 09 al 18/02

             presentato dalla galleria “ Il Raggio Verde” Lecce

2002 – “ Castello Risolo di Specchia” dal 04 al 24 agosto

              presentato dal Comune e dalla Pro Loco di Specchia

2002 – “Piccola Galleria” Specchia  “Le vibrazioni del colore nella luce”

2003 –  Galleria “La Bacheca “ Cagliari  “ La Danza del Colore”

2003 –  Galleria “III Millennio”  Venezia

2003 –  Sutta le Capanne du Ripa    Specchia Lecce

2004 –  “SUBLIMATIONS – landscape of the soul” 5/16 luglio Espace Couloir

            r.d.c. ASP – PARLAMENTO EUROPEO      Bruxelles

2004 –  “Urlo Nel Buio”  Sutta Le Capanne Du Ripa  Specchia Lecce

2004 – Galleria “ Della Tartaruga” 25 settembre 5 ottobre     Roma

2004 – “Urlo Nel Buio” Galleria “La Bacheca” 9/20 ottobre Cagliari

2004  – “Urlo Nel Buio” Galleria Raggio Verde 4 dic. 4 gen.  Lecce

2005 –   Galleria “Della Tartaruga” Settembre 05 Roma

2005 –  Genesi del Colore settembre  Galleria Comunale

             d’Arte Moderna e Contemporanea di Piombino

2005  – Genesi del Colore ottobre 2005   Culturale Sardi in  Toscana,  Piazza Santa Croce, 19, collaborazione con  la galleria d’arte  Mentana,   Firenze             

2005 –  PROFILI DELL’ESSERE Galleria d’Arte III Millennio –

       Venezia – dal 12 al 30 Novembre

2006  – PANTAREI Galleria “Il Raggio Verde” di Lecce. 

2006  – Jeans    SPAZIO CULTURALE MENTANA FIRENZE

2006 – “Elios” Sala degli ulivi – Borgo Cardigliano    Specchia (LE) presentato da Toti Carpentieri

2006 –  Profiles of his soul – SUTTA LE CAPANNE DU RIPA” Specchia (Lecce)

2006 –  PETALI DI GIOIA Studio Logos – Galleria d’Arte e Design – Roma

2007 – “IN-COLORE” Beauty and Book Salon e Il Raggio Verde – Lecce

2007 – Piccola Galleria Sutta Le Capannne De Lu Ripa – dal 11 agosto 
”SPACE AND TIME”

2007 – Galleria d’Arte 18 – Bologna – Dal 27 ottobre 2007 


2009 – CIRCOLO DOLIA CAGLIARI – dal 22 dicembre 2008 al 6 gennaio FIORI: DAI FIORI AI FIORI 

2009 – Piccola Galleria Sutta Le Capannne De Lu Ripa – dal 14 al 25 agosto 
”CATARSI”    

2009 – STUDIO LEGALE IURA 
Via Rodolfo Audinot, 31Bologna         

2009 –  IL RAGGIO VERDE – EDITORIA E COMUNCAZIONE 
Via Veneto, 13 Lecce

2010 – PAESAGGIOOLTREPAESAGGIO – AMACI: ASSOCIAZIONE MUSEI ARTE CONTEMPORANEA 
9 ottobre 2010: Giornata del Contemporaneo Sesta edizione


GALLERIA BERNARDINI – EX CONVITTO PALMIERI Lecce

2010 – Palazzo Baronale di Girolamo Comi – Piazza della Vittoria Lucugnano (Lecce) – AMACI: ASSOCIAZIONE MUSEI ARTE CONTEMPORANEA 
9 ottobre 2010: Giornata del Contemporaneo Sesta edizione

2010 – Studio “Sutta Capanne dellu Ripa” a Specchia

2010 – Galleria d’arte “LA BACHECA” 
Via Dei Pisani, 1 Cagliari


2011 –  “Sutta Capanne dellu Ripa” Specchia Lecce – Objects – oggetti

2011- LUIGI DE GIOVANNI – SPECCHIA / FIRENZE – Eventi organizzati in occasione della settima edizione della Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI – performance che dura tutta la giornata, presso lo Studio “Sutta Le Capanne Du Ripa” (nell’ambito della mostra “Tracks: tracce”

2011 “TRACCE DI FEDE” – Mostra e installazione – Studio “Sutta Capanne dellu Ripa” a Specchia

2012  “Tracce di Ri€voluzione” A CURA di TOTI CARPENTIERI – Fino al 22 Luglio 2012 – LECCE, SALONE DELLE FESTE, EX CONVENTO AI TEATINI

curata da Toti Carpentieri, allestita dall’Arch. Stefania Branca e coordinata da Il Raggio Verde SRL

2012  “Rivoluzione” Spazio d’arte Sutta Le Capanne du Ripa a Specchia – In occasione dell’8° Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana.

2012 – Castello Risolo, per la mia mostra antologica “In itinere. Visioni, segni e figure 1966 – 2012”, curata da Toti Carpentieri, allestita dall’Arch. Stefania Branca e coordinata da Il Raggio Verde SRL, inaugurata il 15 dicembre 2012 alle ore 18.00.

2013 Sutta le Capanne du Ripa – Specchia – “Quacquaraquà”

2013 “La rinascita di Flora” galleria “Le Ali di Mirna” Mesagne

2013 “Dialogo con la natura. oltre i 16:9” Bastione Porta Napoli, Brindisi

2013 “Ritrovare il paesaggio”  Sutta le capanne du Ripa – Specchia

 (In occasione della 9 Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI) “Dialogo con la natura – oltre i 16:9” Bastione Porta Napoli, Brindisi  e

2013 “Ritrovare il paesaggio” Sutta le Capanne du Ripa, Specchia

2013 Sutta le Capanne du Ripa – Specchia – “Quacquaraquà” 

2013 – “La rinascita di Flora” galleria “Le Ali di Mirna” Mesagne

2013 – “Ritrovare il paesaggio”  Sutta le capanne du Ripa – Specchia (In occasione della 9 Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI) –

2013 – Dialogo con la natura – Scuderie del Palazzo Gallone Tricase

2014 – “Forme e colori dal Mediterraneo” L’immaginazione al potere”, saloni del palazzo gallone Tricase                                                                         2014 – “La natura e il paesaggio” Sutta Le Capanne Du Ripa, Specchia          2014 – “UOMO DEL MIO TEMPO” omaggio a Salvatore Quasimodo, Sutta le Capanne du Ripa, Specchia (LE)                                                                       2014 – “e il naufragar m’è dolce in questo mare”, mostra personale itinerante, Scuderie, Palazzo Gallone – nell’ambito di “ECO Natale” TRICASE (Lecce)                                          2015 – Cultura e paesaggio, Specchia c/o Sutta le Capanne du Ripa                2015 – “e il naufragar m’è dolce in questo mare” mostra personale, Castello Spinola , ANDRANO (Lecce)                                                                            2015 – “Finestre sul mare”, “Evento organizzato in occasione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI”, Studio “Sutta Le Capanne Du Ripa”, Specchia (LE)                                                                                           2015 – JEANS “space and time”, Sutta Le Capannne De Lu Ripa Specchia –                                                                                                   2016 – “Naturabilia. I Paesaggi di Luigi De Giovanni al ”Museo “Liborio Romano” Patù                                                                                                2016 – “Urlo Nero” Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI Specchia (LE)                                                                                            2017 – “E il naufragar m’é dolce in questo mare” Scuderie di Palazzo Gallone a Tricase (Lecce)                                                                                          2017 –  LiverLoft – Art Campus Modigliana

2017/18 – MU.VE Museo di Arte Moderna – Modigliana

2018 – Spazio 22  Specchia

2018 – Modigliana LiverLoft – Art Campus

2018 – CARTE – Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI”, Specchia (LE) Sutta le Capanne du Ripa Piazza e Spazio 22

2019 – Castello Risolo Specchia (LE)

2019  Specchia “Rosso Papavero” Giornata del Contemporaneo AMACI – Spazio 22 e Sutta le capanne du Ripa -installazione e performance

2019 – Fondazione Palmieri – Lecce – Mostra presentata da Raffaele Polo

2019 – Galleria d’Arte Mentana di Firenze

MOSTRE COLLETTIVE                                                                                1967 – Arte giovane – SPECCHIA                                                                     1972 – Galleria “Studio Delta/Pi – ROMA 

1980 – Galleria Arcobaleno – MILANO 

1984 – Galleria Il Colore – CAGLIARI                                                   

1985 – Comune – TORTOLI’ 

1985 – Comune – TERTENIA 

1986 – Coccorocci – GAIRO 

1986 – Pro Loco – PERDASDEFOGU 

1988 – Pro Loco – MANDAS 

1988 – Pro Loco – DOLIANOVA 

1988 – Arco – MADRID 

1989 – Cripta San Domenico – CAGLIARI 

1990 – Cittadella dei Musei CAGLIARI 

1990 – Mondiali ’90 Fiera – CAGLIARI 

1990 – Pyramid Gallery – NEW YORK 

1990 – La Contea di Bormio – BORMIO 

1991 – Galleria Modigliani – MILANO 

1991 – Primavera a Villanova – CAGLIARI 

1992 – Galleria Studio d’Arte due – VENEZIA 

1992 – C.I.D.A. – ROMA 

1992 – Centro Storico – FIRENZE 

1992 – Arte contemporanea – TORRE DELLE STELLE 

1992 – 14 Mostra d’Arte – MANCIANO 

1992 – Expò d’Art SASSARI 

1992 – TOKYO 

1992 – Expo – SIVIGLIA 

1993 – Vicenza Arte – VICENZA 

1993 – Mostra regionale d’arte – CAGLIARI 

1993 – casa Museo “Sa Domu e Farra” – QUARTU SANT’ELENA 

1994 – Individuazioni SAP – FIRENZE 

1994 – Fiera Arte ’94 – PADOVA 

1994 – 13 Fiera d’Arte – SASSARI 

1994 – Arte Box – SANTA TERESA DI GALLURA 

1995 – Fiera d’Arte – BOLOGNA 

1995 – Expo Arte – BARI 

1995 – 2 Itinerario Artistico – TRICASE 

1995 – Estate Doliense – DOLIANOVA 

1995 – Fiera d’Arte – LONGARONE 

1995 – Palazzo Gamma – PALERMO 

1996 – Miart – MILANO 

1996 – Vicenza Arte – VICENZA 

1996 – Expo Arte – BARI 

1996 – Palazzo degli Affari – FIRENZE  

1996 – Mostra Centro Storico – SPECCHIA 

1996 – Mostra Centro Storico – TRICASE 

1997 – Galleria Mentana – FIRENZE 

1997 – Versilia Arte La Versiliana – PIETRASANTA 

1997 – Miart – MILANO 

1997 – Centro Storico – SPECCHIA  

1998 – Fiera Art International – NEW YORK

1998 – Fiera Arti Visive – FIRENZE 

1998 – Lineart Gent – BELGIO 

1998 – Centro Storico – SPECCHIA 

1998 – Salone di Luglio La Bacheca – CAGLIARI 

1999 – Assessorato Cultura Provincia – FIRENZE 

1999 – Specchiarte Centro Storico – SPECCHIA 

2000 – Artisti in copertina Fondazione Memmo – LECCE

2000 – Javits Center  Artexpo 2000 – NEW YORK 

2000 – Specchiarte Itinerario d’Arte nel Centro Storico – SPECCHIA 

2000 – Percorsi Galleria Via Larga – FIRENZE

2001-  “Eurp’Art Genève” “L’Art en tout Libertè” presentato  dalla galleria

           “Mentana” di Firenze –   Ginevra  Svizzera

2001 –  “Lineart Gent”, presentato dalla galleria “Mentana” di Firenze, Gent  

          Belgio

2001 – 02 – Galleria “Mentana “ Firenze “Prospettive  Collezioni 2000”      

2002 –  Galleria “ Mentana” Firenze  “ Insieme Presenze  In Galleria”

2002 –  “Convento dei Teatini” Lecce Panorami dello Spirito  e della Cultura”

          “Kontemporanea  VII edizione” Organizzata dalla Galleria “Il Raggio

           Verde” Lecce

2002 –  “Artisti Per Un Anno”  Galleria “Mentana” Firenze

2002 –  “Aritmie” “ Immagini” Galleria  “Il Raggio Verde” Lecce

2003 –  “ Panorama di Arte Contemporanea: la Scuola Romana” Raggio

              Verde Lecce – collaborazione con la galleria Helios di Frascati

2003 –  “Rassegna D’Arte Kontemporanea” “Palazzo Marchesale  Arnesano.

             Organizzata dalle Gallerie: “Il Raggio Verde” di  Lecce ed Helios” di

            Frascati. Patrocinio del Comun e di Arnesano

2003/04 – “Arte 2004” galleria d’Arte “Mentana” Firenze

2004 –  “Arte 2005” Teatro Everest 4 dicembre 16 gennaio Firenze

2005 –  “Incontro con l’Arte” Spazio Espositivo Galluzzo 6 dic. 15 gen.

              Firenze

2005 – “ ART in LOVE” galleria d’arte “Mentana” 14/24 Febbraio

              Firenze

2005 –  Spazio Culturale Mentana  12 maggio 12 giugno Firenze

2005 – “Marine D’Autore”  galleria “Mentana” 29 giugno 15 luglio

            Firenze

2005  – Uccellini Uccellaci  galleria d’arte La Bacheca – Cagliari

2005 –  Kontemporanea  galleria Raggio Verde – Lecce

2005 – “Art In Deep Endence”  galleria d’Arte18 – Bologna

2005  –   MALPENSA ARTE  novembre “GALLERIA D’ARTE   18”- Bologna

2005  –  “DA LEUCASIA ALL’APPIA” dicembre2005

             ROMA – Palazzo Pignatelli 

2006  – “Un Pieno… d’arte”  Giovedì 1 giugno ‘06, dalle 15.30  nuovo viaggio

               artistico-  letterario  Il Raggio Verde –  Lecce

2006  – Nudo d’Autore” Galleria d’arte  Mentana Firenze

2006 – Arte Firenze dal 29 settembre al 2 ottobre  Fortezza Da Basso –

         presentato dalla Galleria d’arte  Mentana    Firenze   

2006 /07 – VALORI DI CONTINUITA Galleria d’arte “Mentana” –   Firenze 


           –  “OPERE SU CARTA” Galleria d’arte “Mentana” Firenze

2007 Lyceum Club Internazionale Firenze Dal 1 febbraio 2007 al 3 marzo  

    
   RITROVIAMOCI

2007 – GALLERIA D’ARTE “MENTANA” FIRENZE – Dal 2 dicembre
VALORI  

          DI CONTINUITÀ

2008 – GALLERIA D’ARTE “MENTANA” FIRENZE – 9 aprile 2008Acquerelli,  Tecniche miste, Grafica e Scultura di Artisti Contemporanei

  2008  Spazi aperti – GALLERIA D’ARTE “MENTANA” FIRENZE – dal 26 giugno al 26 luglio 2008

2008  –   CONDANNATI A CREARE: S.A.F. 2008 EX CARCERI CASTIADAS – GALLERIA “LA BACHECA” CAGLIARI – 4/10 Settembre 2008

2008 – (IN)VISIBILE via Barcellona, 75 Cagliari – Dal 7 novembre al 23 novembreFANGO!

2008 – FIERA INTERNAZIONALE DELLA SARDEGNA
CAGLIARI, 

        QUARTIERE FIERISTICO Mostre Culturali

2009 CONTEMPOR-ART 2009 – GALLERIA D’ARTE MENTANA FIRENZE   Piazza Mentana, 2/3r

2009 – VALORI DI CONTINUITA’ 2009-2010 GALLERIA D’ARTE MENTANA FIRENZE Piazza Mentana, 2/3r

2010 CIELO MARE TERRA QUARTU S. ELENA (CA) Convento Cappuccino di San Francesco

2010 GALLERIA D’ARTE MENTANA

VALORI DI CONTINUITÀ 2010-2011

2012  Galleria d’Arte Mentana Firenze “Il calore del colore”

2012  “Iª Fiera d’Arte del Piccolo Formato, Arte Contemporanea e moderna”, promossa dalla Fondazione Logudoro Meilogu e dal Comune di Banari (Sassari).

2012 – 2013  Valori di continuità – Galleria d’arte Mentana Firenze

2013 HUMAN RIGHTS?’2013 Convento dei Francescani Neri, Specchia

2013 Fiera dell’Arte di Cannes

2013 Galleria Mentana Firenze

2013 – Galleria Le ali di Mirna – Mesagne

2014 – Colori e Forme del Mediterraneo mostra di Pittura – Sale del Palazzo Gallone Tricase 

2014 “Valori di Continuità XIV edizione” – Galleria Mentana – Firenze

2014 “Natale d’Artista” Palazzo Risolo Specchia (LE)

2014 “Forme e colori dello spirito” Evento organizzato nell’ambito della giornata del contemporaneo – Palazzo Risolo Specchia

2015 Festival delle Culture Mediterranee, castello Spinola Caracciolo Andrano,

2015 Amorarte Galleria Mentana Firenze                                                    2015 “Firenze incontra Roma” Rassegna di arti visive contemporanee      2015 ”Roma incontra Firenze” Tornatora Art Gallery di Roma                    2015 ”Valori di continuità.” Galleria d’Arte “Mentana” Firenze                     2016 “Proposte contemporanee” galleria Mentana Firenze                         2016 “Mentana in Florence” Mentana ottobre Galleria Mentana Firenze    2017 “ITALIAN ART IN LONDON” “Crypt Gallery” Euston Road, Kings Cross, NW12BA, London, U.K. 
                                                                                          2017 Mentana in Florence – Galleria Della Tartaruga Roma                                        2018 – 21 Maggio 2018 Royal Opera Arcade Gallery di Londra

2018 – 14 dicembre 2018 Galleria Mentana Firenze

2018 – 15 dicembre 2018 Borghese Palace Art Hotel (con Mentana) Firenze

2019 – Dal 21 al 26 aprile, Royal Opera Arcade  Pall Mall Street – London

2019 – Mostra Collettiva di artisti storicizzati ed emergenti Galleria Mentana Firenze

Critici

Raffaele Polo, Toti Carpentieri, Lorenzo Madaro , Mauro  Manunza, Alessandra Menesini, Paolo Levi, Tommaso Paloscia, Marcello Serra, Paola Santoro, Antonietta Fulvio, Rita Fasano, Maurizio Nocera. Elisabetta Paladini, Francasco Pasca, Carmelo Cipriani, Marinilde Giannandrea, Carlotta Pazzagli, Rory Cappelli e Renata Mambelli, Nicola Nuti, Giuseppe Albahari, Ambra Biscuso, Carmen De Stasio, Francesco Greco, Massimo Antonio Sanna, Paolo Pais, Salvatore Antonio Demuro, Antonio Penna, Giuseppe Schiavone, Paolo Cau, Maria Nigro e Mario Mangigotti, Elio Mercuri, Iolanda Pietrobelli, Gaetano Greco, Maurizio Antonazzo, Bianca Paris, Francesca Paba, Paolo Pais, Federica Murgia.

Bibliografia

12 agosto 2016 – nuovo Quotidiano di Puglia Lecce –settore Cultura e spettacoli “Fiori e paesaggi nei dipinti di De Giovanni al Museo Romano”

29 luglio 2016 – nuovo Quotidiano di Puglia Lecce – Patù/Mostra di De Giovanni

Aprile 2016 – la Toscana – “Alla galleria Mentana la rassegna Proposte d’arte contemporanea” di Daniela Pronestì

28 luglio 2016 – La Gazzetta del Mezzogiorno – Lecce – Vivilacittà – “Patù Naturabilia di De Giovanni”

2015/16 Florence News – Mentana Presents Values of continuity

Dicembre 2015 – la Toscana – “I valori di continuità” della  Galleria Mentana

10 ottobre 2015 – La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà Lecce – Giornata del Contemporaneo in luoghi profumati d’arte del capoluogo della provincia.

10 settembre 2015 “Firenze incontra Roma” c’è Luigi De Giovanni.

Dicembre 2014 la Toscana – Galleria Mentana – Fino al 10 gennaio “Valori di continuità”

10 dicembre 2014 – “Nuovo Quotidiano di Puglia” Cultura e Spettacoli – La mostra – Personali in collettiva a Specchia

30 dicembre 2014 – La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà Lecce – “Eco notte” a chilometro zero fra le arti e i mestieri di Tricase

30 dicembre 2014 – “Nuovo Quotidiano di Puglia” Cultura e Spettacoli – “De Giovanni, omaggio al mare” Personale

28 dicembre 2014 – “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Cultura e Spettacoli – A Tricase DE Giovanni il mare salentino e la difesa dell’ambiente.

8 novembre 2014 – “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Lecce – Vivilacittà – Mostra di De Giovanni.

10 ottobre 2014 – “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Lecce – Vivilacittà – Arte a Specchia – Autori – forme e colori nel castello Risolo

16 settembre 2014 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Lecce – Vivilacittà – Specchia – I paesaggi di  Luigi De Giovanni.

30 novembre 2013 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Lecce – Vivilacittà

21 ottobre 2013 – Nuovo Quotidiano di Puglia” Cultura e Spettacoli – L’iniziativa – De Giovanni a Firenze con le sue opere.

11 ottobre 2013 -“Nuovo Quotidiano di Puglia” Cultura e Spettacoli – di Carmelo Cipriani “Il cromatismo luminoso e intenso di De Giovanni” Doppia personale a Brindisi e a Specchia

11 ottobre 2013 – La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà Lecce – la mostra di Luigi De Giovanni a Specchia

10 ottobre 2016 – La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà – Arte a Specchia – Arte a Specchia – Autori, forme e colori nel castello Risolo.

8 ottobre 2013 La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà Specchia, opere di Luigi De Giovanni

6 ottobre 2013 La Gazzetta Del Mezzogiorno Vivilacittà Foggia – Fino al 14 ottobre al Bastione di Porta Mesagne <<Dialogo con la natura – oltre i 16/9>>

5 ottobre 2013 La Gazzetta Del Mezzogiorno Brindisi – Fino al 14 ottobre al Bastione di Porta Mesagne <<Dialogo con la natura – oltre i 16/9>>

5 ottobre 2013 Brindisi “Nuovo Quotidiano di Puglia” Cultura e Spettacoli – La Natura di Luigi De Giovanni.

5 ottobre 2013 “Nuovo Quotidiano di Puglia” Giorno &Notte – Giornata del contemporaneo: porte aperte alla galleria Le ali di Mirna – Scatti e Pennelli: arte in permanenza

4 ottobre 2013 “Nuovo Quotidiano di Puglia” – Dolce Vita – Mostra – De Giovanni propone “ Dialogo con la natura”

 4 ottobre 2013 inserto pubblicitario  su La Repubblica Bari

3 ottobre 2013 “Nuovo Quotidiano di Puglia”  Lecce Giorno & Notte – Dialogo con la natura De Giovanni in mostra

3 ottobre 2013 “Nuovo Quotidiano di Puglia” – Domani il vernissage Torna a Brindisi con le sue tele Luigi De Giovanni

2 ottobre 2013 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” – Mesagne, la IX giornata del contemporaneo promossa da Eterogenea a le <<Ali di Mirna>> di Federica Marangio

dicembre 2013 la Toscana – “Valori di continuità della Galleria Mentana” di Daniela Pronestì

– 14 settembre “Nuovo Quotidiano di Puglia” – Mesagne – La rinascita di Flora tributo alla natura – Carmelo Cipriani

–  14 settembre 2013 “la Repubblica” – Rinascita di Flora

– 13 settembre 2013 “La Repubblica” trovaBari, pagina pubblicitaria fatta da un estimatore

– InformArt magazine/ 86(2013)   anno XVII°  –  De Giovanni: “La rinascita di Flora”

– 10 settembre 2013 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” –  De Giovanni e <<La rinascita di Flora>> – Il maestro espone a Mesagne

–  6 agosto 2013 “Nuovo Quotidiano di Puglia” Lecce – “Quacquaracquà” a Specchia l’invettiva di De Giovanni

– 1 – 15 agosto “qui Salento” – “Tutti i colori degli uomini”

– 14 luglio 2013 “La Gazzetta del Mezzogiorno” – Gli “Quacquaraquà” di Luigi De Giovanni

– 13 luglio “Nuovo Quotidiano di Puglia” – De Giovanni, omaggio a Sciascia-

–   luglio 2013  “Quacquaraquà” – testo in catalogo di Federica Murgia

– 6 gennaio 2013 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Le iniziative – Arte tra foto e pitture.

– 6 gennaio  2013 “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” – Si chiude oggi a Specchia la mostra antologica di Luigi De Giovanni

– 3 gennaio 2013 – “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” L’antologica – De Giovanni passato e futuro al Castello di Specchia

– 19 dicembre 2012 “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” Specchia – L’antologica di Luigi De Giovanni

– 15 dicembre 2012 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” Tracce d’arte di Luigi De Giovanni – dai fiori ai jeans, agli <<objects>>

– 15 dicembre 2012 “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” A Specchia – I diversi linguaggi espressivi di Luigi De Giovanni

– 15 dicembre “Il Paese nuovo” Tutto l’umore del colore – Le opere di Luigi De Giovanni a Palazzo Risolo di Specchia

– 14 dicembre 2012 “La Repubblica” pagina pubblicitaria fatta da un estimatore

– 10 ottobre 2012 “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” Cultura & spettacoli – “De Giovanni e i meccanismi perversi del potere” installazione e performance a Specchia

– 10 ottobre 2012 “Il Nuovo Quotidiano di Puglia Lecce” Giorno & notte –  Specchia installazione e performance – Ecco la “rivoluzione” di Luigi De Giovanni

– 10 ottobre 2012 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” VIVILACITTà – “La <<Rivoluzione>> di Luigi De Giovanni

– 5 ottobre 2012 “La Gazzetta Del Mezzogiorno” VIVILACITTà – “Ecco la <<Rivoluzione>> di Luigi De Giovanni” Installazione e performance a Specchia

– 3 ottobre 2012 “Il Paese Nuovo” Culture – “Rimestare la rivoluzione”

– 21 luglio 2012 “Il Paese Nuovo” “Arte e Rivoluzione – Il viandante è consapevole di attraversare il tempo” di Francasco Pasca

– 17 luglio 2012  “Il Paese Nuovo” “Con lo sguardo volto alla storia” di Antonietta Fulvio

– 15 luglio 2012 “Il Paese Nuovo” l’agenda – “Tracce di rivoluzione nel paesaggio umano”

– 14 luglio 2012 – “La Repubblica” Bari – “La rivoluzione di De Giovanni” di Lorenzo Madaro

– 14 luglio “La Gazzetta Del Mezzogiorno” VIVILACITTà – “Mostre & mostre nel weekend dell’estate salentina – De Giovanni,Tondolo, Favelli, Candela”

– 14 luglio 2012 “Il Quotidiano Italiano” Lecce – Cultura & Spettacolo –De Giovanni ai Teatini Inaugurazione con Musica

– 14 luglio 2012 “Il Paese Nuovo” l’agenda – Tracce di Rivoluzione

– Toti Carpentieri – “I percorsi della memoria per una rivoluzione dello sguardo” – Presentazione di “Tracce di Ri€voluzione” – Lecce ex Convento ai Teatini di Lecce – 14 – 22 luglio 2012

– 13 luglio 2012 “Il Quotidiano Italiano” Lecce – Cultura & Spettacolo “Tracce di rivoluzione, all’ex Monastero dei Teatini la mostra di Luigi De Giovanni “– di Elisabetta Paladini

– 15 – 31 luglio “Qui Salento”  “Revoluzione” salentina

– Febbraio 2012 “39° Parallelo” Gino De Giovanni.  La magia della Pittura di Bianca  Paris

-11 febbraio 2012 “l’Urlo” Luigi De Giovanni a cura di Luigi Pirelli

– 26 dicembre 2011 “ La Gazzetta del Mezzogiorno” – “ Andar per mostre nella settimana delle feste natalizie”

– Lorenzo Madaro. I segni del sacro
nell’arte di De Giovanni – bari.repubblica.it/ 2011

– 9 dicembre 2011 “Il Paese Nuovo” “Fuga dalla metafisica” di Antonietta Fulvio

– 8 dicembre  2011 “Il Nuovo Quotidiano di Lecce” – A Specchia De Giovanni racconta le “tracce” del Natale.

– 6 dicembre 2011 “La gazzetta Del mezzogiorno” – “Tracce di fede” Firmate De Giovanni

– dicembre 2011 “39° Parallelo” “Un incontro un po’ speciale” di Bianca Paris

– 13 ottobre 2011 “I Want You magazine” – “Specchia, 07 Edizione Giornata del Contemporaneo (dal 7 al 20)

– 8 ottobre 2011 “La Gazzetta del mezzogiorno” – <<Tracce>> innovative firmate De Giovanni. Maxi installazione a Specchia.

– 8 ottobre 2011 “Il Paese nuovo” – “Sul bilico dell’astrazione” di Antonietta Fulvio

– 7 ottobre 2011 “Nuovo Quotidiano di Puglia” “ A Specchia, Tracks, mostra e

   performance di Luigi de Giovanni”

– ottobre 2011 “39° Parallelo” – “Luigi De Giovanni – Specchia Firenze”  di

  Francesca Paba

– Ottobre 2011 – “qui Salento” – “La memoria d’artista”

– Francesca Paba: “Tracks – Tracce” in catalogo mostra  del 07 – 20 ottobre    

– 29 agosto 2011 A Specchia chiude “Objects” – Nuovo quotidiano di Puglia

– 21 agosto  2011 La Gazzetta del Mezzogiorno “ Vivi L’Estate” Mostra a Specchia di Luigi De Giovanni.

– Francesca Paba: “Objects – Oggetti  opere per raccontare il tempo” in catalogo  mostra : Objects – Oggetti  – 06 agosto 3 settembre

– Febbraio 2011 “ Voce Serafica della Sardegna” “Luigi De Giovanni e la Barbagia di  Seulo” di Paolo Pais

– 15 gennaio 2011 “ il Provinciale” – “ La natura di Luigi De Giovanni” di Paolo Pais

– InformArt magazine/13 Valori di Continuità   2010/2011

–  06 agosto 2011 “Nuovo quotidiano di Puglia” “Nuovi appuntamenti con l’arte” di Marinilde Giannandrea

–  28 dicembre 2010 – “il Gallo” “Giornata del Contemporaneo” Luigi De Giovanni.

–  13 dicembre 2010 “L’Unione Sarda” – “Dipingendo (in jeans) la Sardegna” di Mauro  Manunza

– InformArt magazine/11 – “Dai paesaggi della Barbagia di Seulo ai paesaggi dell’anima” di  Federica Murgia

– InformArt magazine/5 “Paesaggiooltrepaesaggio”

– 14 ottobre 2009 “Il Paese Nuovo” – “Effervescenze naturali” di Maurizio Nocera.

– Carmen De Stasio, in catalogo mostra: ”In- Colore” Lecce 2007

– Donato Corvaglia – “Petali di gioia tra pennellate di colore” –

  ArteLuoghi  dicembre 2006

– Toti Carpentieri, in catalogo mostra, “Paesaggi al limite

   dell’astrazione” Cardigliano 2006

–  Raffaele Nigro RAI 3 regione Puglia – Mostra – Elios – Agosto 2006

– Toti Carpentieri – “Elios, L’uomo, l’artista e la sua terra” – ArteLuoghi

   agosto 2006

 Pagine di Francesca Rolando, intervista fatta da Gabriella Incalza “Fare a meno delle parole”, Inserto del Corriere della Sera del 04 marzo 2005

– Ambra Biscuso, in catalogo mostra: “ Urlo nel buio”  galleria La

   Bacheca, Cagliari e galleria Il Raggio Verde, Lecce –  2004

– Mauro Manunza, Fiori sardi a Bruxelles – Gli olii di Luigi De Giovanni in

   Parlamento, L’Unione Sarda, 15 luglio 2004

– Mauro Manunza, “Nei simbolici jeans di Luigi De Giovanni la morte

  dell’utopia” L’Unione Sarda – 14 ottobre 2004

– Alessandra Menesini, “Malinconia e rabbia nella pittura di De

   Giovanni” Nae”  dicembre 2004

– Monica Maggiore, “L’urlo dei jeans”, Qui Salento Lecce – dicembre

  2004

– Toti Carpentieri, “Una giornata nei luoghi dell’arte” La Gazzetta del

  Mezzogiorno, 4 dicembre 2004

– Paola Santoro, in catalogo mostra galleria La Bacheca Cagliari 2003

– Carlotta Pazzagli, in catalogo mostra, galleria Mentana, Firenze – 2003

– Ambra Biscuso, in catalogo mostra, “ L’Uomo soffiò e…”  Castello

  Carlo V, Lecce – 2002

– Rory Cappelli e Renata Mambelli, Repubblica Viaggi, mostre in Italia, 

  11 ottobre 2001

– Mauro Manunza, “Le nature vive di un pittore che reinventa il

  paesaggio: la parabola internazionale di Luigi De Giovanni, L’Unione

  Sarda – 6 dicembre 2000

– Mauro Manunza, in catalogo: “L’itinerario di un’idea”  2000

– Rory Cappelli, Repubblica Viaggi, mostre in Italia, 21 settembre 2000

– Nicola Nuti, in catalogo: “Il piacere della pittura” Firenze 2000

– Massimo Antonio Sanna, in catalogo mostra, galleria La Bacheca

  Cagliari – 2000

– Paolo Levi, in catalogo: “Le vibrazioni della natura”- galleria  Mentana 

  Firenze – 2000

– TV Toscana – (più servizi in periodi diversi)

– Un pittore sardo a Massa Carrara “Arte in Fiera”,  L’Unione Sarda  08

   maggio 1999

– Paolo Pais “Trenta giorni in galleria. Galleria Alberto Simula al Portico

  Sant’Antonio”  Sardegna oltre – Maggio 1998

– Salvatore Antonio Demuro, in catalogo: “La vibratilità del colore nella

   luce” Palazzo Atzori –  Paulilatino – 1998

– Tommaso Paloscia, in catalogo: “ Nei Fiori di De Giovanni Tornano i

   colori del mito”- galleria Mentana – Firenze – 1995

– Antonio Penna – in catalogo mostra, Luigi De Giovanni: il Salento, la

  Campagna Romana, la Sardegna, Biblioteca Comunale Tricase – 1995

– Sardegna Magazine “Luigi De Giovanni da Bari a Pisa” 6 giugno 1995

– Giuseppe Schiavone “Un mondo di colori”, Nuovi Orientamenti – 03

   novembre 1995

– Maurizio Antonazzo, “ I nostri artisti: Luigi De Giovanni” Sardegna

  Magazine  12 dicembre 1995

– Giuseppe Schiavone, “Un modo d’intendere la pittura” Sardegna

   Magazine – novembre 1994.

– Mostra “ Scuola di Guerra” Il Tempo Civitavecchia – Venerdì 10

  dicembre 1993

 – Gaetano Greco, catalogo: “Un’ipotesi di lettura” – 1991

– Paolo Pais “La pittura secondo Luigi De Giovanni” Il Sassarese – 15

  novembre 1991

– Paolo Pais “Le meraviglie pittoriche di Luigi De Giovanni” Sardegna

  Oltre – Novembre – dicembre 1991

– Paolo Cau, “Sa lolla come galleria d’arte” Il Cagliaritano Settembre 90 – Marcello Serra, in catalogo mostra, Galleria degli Artisti – Cagliari

– Antonio Penna, in catalogo mostra, Biblioteca Comunale – Tricase

    1983

– Ashtart Arte – febbraio – marzo 1981

– Maria Nigro e Mario Mangigotti, 4 pareti per 4 artisti, in catalogo

   mostra galleria Arcobaleno Milano – 1980

– Elio Mercuri, in catalogo mostra galleria Studio Delta/P Roma – 1970

  1989

Cataloghi personali dell’artista

2019 – Luigi De Giovanni – Presentazione di Raffaele Polo

2013 –  “De Giovanni” – Presentazione critica di Rita Fasano e Antonietta Fulvio – Il Raggio Verde Edizioni

2000 “Luigi De Giovanni le vibrazioni della natura” – Presentazione critica  di Paolo Levi  – a cura della  Galleria d’arte Mentana di Firenze – Supervisione a cura di Nicola Nuti.

1995 “Luigi De Giovanni” Presentazione critica di Tommaso Paloscia – A cura della galleria Mentana di Firenze – Artigianarte editrice s.a.s.

–1991 – Gaetano Greco, catalogo: “Un’ipotesi di lettura”

Cataloghi e libri d’arte d’ Arte

CAM n 55, Catalogo Dell’Arte Moderna Giorgio Mondadori

Itinerari Londinesi – ART  ON TOUR… LONDON – Royal Opera Arcade Pall Mall Street – London

Italian Art In London – Le vie dell’arte –  The Cript Gallery London 2018

– Arte Moderna anno 2016 – L’arte contemporanea dal secondo

  dopoguerra ad oggi –  Editoriale Giorgio Mondadori

– Catalogo della “ 1° FIERA d’Arte del piccolo Formato” Organizzazione, direzione e cura: Fondazione Logudoro Meilogu – Museo d’Arte contemporanea FLM – Banari  (Sassari)

– Modular(t)e n. 4 Il Raggio Verde Edizini – Testo di Maurizio Nocera.

– Arte Moderna n° 37 – L’arte contemporanea dal secondo

  dopoguerra ad oggi –  Editoriale Giorgio Mondadori

– Lineart Gent 2001 Belgio

– International Arte Expo – New York 2000

– Europ’Art Géneve “L’art en toute liberté” – 2001 Svizzera

– Art International New York 1998

–  Misteri dell’Uomo – Metamorfosi Della Vita –  Il Prato dei Miracoli 

   Pisa – 1998

– Lineare Gent 1998 Belgio

– Expo Arte – Fiera Internazionale di Arte Contemporanea

  Bari 1995/1996

– Arte Moderna n° 35 – L’arte contemporanea dal secondo

  dopoguerra ad oggi –  Editoriale Giorgio Mondadori

– Arte Moderna n° 26  Editoriale Giorgio Mondadori

– Arte Moderna n° 27 – 28 – 29 – 31 – 33 –  Editoriale Giorgio

  Mondadori

– Dictionary of International Biography – Twenty seventh editions

  1999

– Segno Forma Colore – Il Prato dei Miracoli – Pisa 1997

– L’Arte Italiana Nell’Anno di Colombo – Istituto Ligure d’Arte

  Contemporanea pag. 36 – 37

– MIART 96 – Fiera d’Arte Moderna e Contemporanea – Milano

– Art Selection And Words 1995/96 – Michele Binci Editore

– MIART 97 – Fiera d’Arte Moderna e Contemporanea – Milano

– Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea Città di

  Firenze 1° Edizione 1997

– I Geni dell’Arte – Gli Eredi Della Cultura Artistica Europea –

   Ente Europeo Manifestazioni d’Arte (E. Moro)

– Arte Oggi CIDAC Editore S.R.L.  Cervia 1995

– Il Sogno d’Adamo – Il Prato dei Miracoli – Pisa 1995

– Who’s Who  in International Art Editino 1994/95

– Annuario d’Arte Moderna Italiana “Artisti contemporanei” ACCA

  1995/93 – 2000

– Arte 94 – 5°mostra mercato d’arte contemporanea –  Padova

– Repertorio d’Arte Contemporanea Antares Vicenzo Ursini

  Editore. Luglio 1993  pag. 75 – 328

– Terre Antiche Terre Future – Il Prato dei Miracoli – Pisa 1993

– Esposizione Internazionale  Artisti Contemporanei 1992 a cura

  di Arte Studio

– I Pensieri Dell’Angelo –  Il Prato dei Miracoli – Pisa 1992

– Catalogo Artisti Italiani del ‘900 – Edizioni Art Media (Essential

  Window’s Art)

TV: varie televisioni si sono interessate dell’artista.

WEB

articoli su: MurMurOfArt, Specchia.it, Exibart, Undo, Repubblica.it, Artribune, Lecceprima, Paese nuovo, Canaglia, Affaritaliani.it, ilraggioverdeSRL.it, Arte&luoghi, Lobo di lattice – Lecceprima – Iltaccoditalia.info, saatchi-gallery.co.uk, corrieresalentino.it, youreporter.it, puglia esclusiva.it, beniculturalionline.it, leccesette.it, arterakugallery.it, comune.lecce.it, forum.virgilio.it, SardegnaCultura.it, newseventi.it, Art.it, filologia sarda.eu, cuec.it/rivista/nae,…

tanti altri siti e TV web si sono interessati dell’artista con articoli e video.

Per informazioni

Luigi De Giovanni, via Garibaldi, 1 – 73040 Specchia Lecce cell. 3283516620

Federica Murgia Via Antonio Giovanni Piccioni, 21 – 09124 Cagliari  – cell. 329 2370646

E.mail: arts@degiovanniluigi.com

http://www.degiovanniluigi.com

http://www.ilraggioverdesrl.it/

e20cult associazione culturale

Oppure

– Galleria d’Arte “Mentana” piazza Mentana,2/3r   Firenze

Tel. 055 211985    www.galleriamentana.org 

 e. mail: galleriamentana@galleriamentana.org

­Galleria d’Arte III Millennio Rio Terà delle Colonne Sestiere San Marco 1047 Venezia  – Tel. 041 2413561 – http://www.galleriaterzomillennio.it/

– Galleria d’Arte “Della Tartaruga” via Sistina, 85 A – Roma

Tel. 06 6788956   www.galleriadellatartaruga.com

– Studio d’Arte “Sutta Le Capanne Du Ripa” via Umberto I°,1 –

 73040 Specchia Lecce  – Cell. 329 2370646

Post in evidenza

Valori di Continuità


Galleria D’Arte Mentana – Firenze

20191115_180609-1

Presenta:

Valori di Continuità

Rassegna d’arte visiva internazionale – 2019 -2020

Rassegna di Natale

Opening

Domenica 15 dicembre 2019 – ore 18.00

Durante la serata inaugurale verrà presentato il calendario: Arte 2020

A cura di Giovanna Laura Adreani – Art Director

 

Come consuetudine la Galleria d’Arte Mentana presenta una mostra che vuole essere un viaggio a ritroso negli eventi che hanno caratterizzato la sua attività. Il percorso espositivo muove dalla volontà di offrire uno spaccato delle inclinazioni estetiche del nostro tempo, dando visibilità agli artisti seguiti dalla galleria o scelti fra le più significative proposte nazionali e internazionali.

Un viaggio emozionale nel clima di ricerca, di sperimentazione e di libertà espressiva che dà luogo a una molteplicità di linguaggi da assaporare nelle opere di pittura, scultura e fotografia in esposizione. L’intento è di presentare ai collezionisti una selezione fra i lavori più rappresentativi degli artisti in mostra e di garantire scelte supportate dalla serietà e dalla competenza della direttrice artistica. Durante la mostra ci saranno degli eventi performativi che dialogheranno con le opere presenti in esposizione.

 

ARTISTI IN MOSTRA

Emilio Tadini, Harin Na, Eva Breitfuß, Luigi de Giovanni, Francesca Coli, Rosario Bellante, Salvatore Magazzini, Audrey Traini, Anna Maria Giordano, Camilla Vavik Pedersen, Ursula Radel, Bianca Vivarelli, Carmen Cecilia Rusu, Giampaolo Talani, Antonio Corpora, Mario Schifano, Emanuela Simoncini, Paolo Staccioli, Sergio Benvenuti

 

 

Durante tutto il periodo della Mostra saranno in promozione opere per i vostri regali di Natale

ORARI
Tutti i giorni: 11-13 / 16-19.30 – escluso Domenica e Festivi

 

Galleria d’Arte Mentana

Via della Mosca 5/r – 50122 Firenze
Tel: +39 055 211985 – Cel: +39 335 1207156
Email: galleriamentana@galleriamentana.it
Sito web: http://www.galleriamentana.it – Vendita online: http://www.galleriamentana.it/it/negozio Facebook : http://www.facebook.com/galleriamentanafirenze/

 

 

Post in evidenza

OSSIMORI PITTORICI


OSSIMORI PITTORICI
PERSONALE DI PITTURA DI LUIGI DE GIOVANNI

Lecce | Fondazione Palmieri
Vico dei Sotterranei Lecce
20/30 ottobre 2019
Vernissage 20 ottobre ore 19
Incursioni poetico sperimentali di Luca Nicolì

Indagare la società di oggi con tutte le sue contraddizioni, la bellezza malinconica del breve tempo dei fiori e la poesia del paesaggio che sa suscitare poetiche emozioni. Questo il concept della mostra che vede esporre l’artista specchiese Luigi De Giovanni a Lecce nelle sale della Fondazione Palmieri, in Vico dei Sotterranei, dal 20 al 30 ottobre 2019.
La mostra è organizzata da Il Raggio Verde e l’associazione “Le ali di Pandora” con allestimento dell’arch. Stefania Branca.
Presenta l’artista il giornalista ed editore Raffaele Polo curatore del catalogo “Ossimori Pittorici” edito da Il Raggio Verde. Impreziosiranno la serata le incursioni poetico sperimentali di Luca Nicolì. Ingresso libero.

Luigi De Giovanni con la sua pittura istintiva, traboccante di tracce dei percorsi del pensiero, si apre all’esterno seguendo sensazioni che muovono dal suo Io. I suoi soggetti sono i paesaggi, in quest’occasione, soprattutto del Salento dipinti nei mutamenti stagionali, i fiori recisi che dalla rigogliosità piena di speranza dei boccioli di vita lasciano cadere i petali nel tramonto dei loro giorni, le carte dove le garze suturano ferite troppo profonde e troppo spesso nascoste nei cuori delle persone che soffrono, i jeans nel loro racconto di lavoro e rivoluzione delle idee, purtroppo deluse: jeans diventati apparenza, strappati e lisi prima d’essere usati in una finzione vuota. La mostra è tutto questo: un’indagine profonda della società dove l’essere conta meno dell’apparire, dove la finzione è più vera del reale.

Nell’ambito della mostra segnaliamo i seguenti appuntamenti:

Programma

Vernissage 20 ottobre ore 19
Presentazione a cura di Raffaele Polo
incursioni poetico-sperimentali di Luca Nicolì
Allestimento: Stefania Branca

24 ottobre ore 19:30
‘I Dialoghi del silenzio’ di Bruna Caroli
Dialogheranno con l’autrice Wojtek Pankiewitz, presidente di “Valori e Rinnovamento” e Simona Greco, presidente del Consultorio “La Famiglia’.
Letture: Lela D’Amato, Performer. Foto, video e regia di Ennio Rella.

30 ottobre ore 19:30
‘I Pasano’ di Federica Murgia
dialogherà Giusy Agrosì presidente Associazione culturale “ICARUS
Letture: Ambra Biscuso

Orari di apertura: tutti i giorni: 17/20:30, la mattina su appuntamento
Info: 3394038939

Testo critico
Gli ossimori pittorici di Luigi De Giovanni di Raffaele Polo
«Da dove cominciamo, con luigi de Giovanni? Verrebbe da suggerire che è importante, più che sufficiente, scorrere i suoi dipinti, le sue creazioni, per avere una esperienza esaustiva e completa di questo artista multiforme che ci impressiona con il suo linguaggio diverso ma sempre coerente in una sorta di ossimoro pittorico, De Giovanni convince e si fa comprendere sia che percorra le vie tradizionali del figurativo (i fiori, i paesaggi) sia che solleciti con l’intrigante astrattismo sia che ci inviti all’informale dei suoi ‘jeans’, messaggi espliciti di una società contemporanea anch’essa permeata di contraddizioni e nonsense.
Forse, la ricerca dell’intellettuale potrebbe essere articolata nella per nulla peregrina intenzione di scoprire a quali di questi ‘generi’ il bravo De Giovanni si senta più portato. se, cioè, nel suo intimo artistico alligni con più radicata fermezza il testimone del secolo scorso oppure se l’uomo nuovo del XXI secolo sia quello che i suoi colori, le sue composizioni vogliono annunciare.
Fatto sta che la piacevolezza riservata al fruitore dei lavori di questo artista è comunque univoca e di uguale spessore: ci si addentra negli scorci delle terre genuine del Salento e non solo, in una sorta di ‘natura universale’ ben codificata da colori e soggetti. oppure si sposta lo sguardo sulle spontanee composizioni floreali, percependo quasi il delicato, naturale odore dei fiori e delle erbe appena colte…
O, ancora, le appena abbozzate figure femminili ci fanno partecipi di una introspezione a metà tra il drammatico e l’erotico, sintetizzando esitazioni e pudori ricchi di sfumature.
Il discorso diventa più intrigante con le composizioni che utilizzano il tramite dei ‘jeans’, oggetto-simbolo di una planetaria rivoluzione del costume e della moda, indubbiamente capaci di comunicare messaggi sublimali e silenziosi soprattutto con le recenti scelte relative a strappi e tagli. come non ricordare la rivoluzione di Fontana, le sue ferite sulla tela tese a far vedere cosa c’è ‘dietro’ la tela, ancor più importante di cioè che è davanti… ma ricordiamo, così, su due piedi, le invenzioni di Enrico Bay, dedicate alla satira delle grandi uniformi militari o ecclesiastiche, campite sulla superficie con dovizia di ammennicoli, intrusioni e interventi, in un chiaro discorso dissacratorio. o, ancora, le realizzazioni con pezzi di manifesto di Rotella e, scendendo nel particolare, il materismo sempre più presente nei messaggi di tanti artisti che simboleggiano, via via nei loro lavori, le più evidenti rappresentazioni totalitarie di scritte e oggetti, sino a raggiungere i più scalmanati writer della street art, mai sazi della propria espressività mutuata da muri e vagoni di treni… con de Giovanni, le frasi, i simboli, gli oggetti-simbolo sono mutuati in un completo contesto di interventi cromatici che scuote e denuncia, ponendo l’attenzione via via sulle tematiche prescelte per lanciare provocazioni e messaggi. Un mondo pittorico colmo di pathos e movimento, che richiama, per certi versi, quello che fu il Futurismo nel secolo scorso.
Ma poi, senza parere, l’artista torna ai suoi soggetti ricchi di introspezione e, pur nella loro spesso evidente immobilità, al mondo di sogni, colori e atmosfere che lo chiamano a ripetere, ogni volta in maniera unica e particolare, quel groviglio di vegetazione o le canne palustri di un angolo di creato… per non parlare del mare, che affiora quasi a sorpresa, ad irradiare tutto il suo fascino e la sua maestosità, a riempire con toni immutabili di disponibile umanità, le tele paesaggistiche di grandi dimensioni che paiono voler abbattere qualsiasi confine pittorico, riversando sulle fiancate della struttura dipinta le proprie colorazioni, affermando con forza che non esistono, non devono esistere limiti, pastoie e argini tecnici per chi vuole rappresentare, pur se in uno spazio limitato, tutta la bellezza dell’universo.
Ancora un ossimoro: l’infinito racchiuso in uno spazio finito.
Ma quanta abile professionalità, frammista alla poesia di un animo sensibile, in queste fresche composizioni che coinvolgono appieno con la loro presenza e testimoniano la grande capacità affabulativa di de Giovanni.
Non è facile, in realtà, decifrare completamente i meccanismi che l’artista di specchia ci sottopone, quasi senza parere e ci lascia lì, guardandoci di sottecchi, attento ma con aria indifferente, quasi a scusarsi per ciò che ci sta mostrando. ma quei soggetti, quei colori entrano profondamente nel nostro animo, riescono a coprire ed annullare le ombre e le mostruosità che spesso vogliono annientare il senso positivo dell’arte, e intendono donarci pace, cultura, sicurezza nel sentimento e nella poesia. ecco allora, come per miracolo, che il caleidoscopico mondo pittorico di Luigi De Giovanni diventa una medicina miracolosa, un vero e proprio rimedio all’indifferente trascorrere di grigie quotidianità, ravviva- te spesso solo dall’indossare uno scolorito jeans…
No, i jeans di Luigi sono coloratissimi e ricchi di umore e sapore.
i suoi messaggi sono pieni di fascino e intenzione positiva.
Il suo sguardo sereno e pacato è proprio lì, nei suoi quadri, nelle composizioni che, in maniera diversa ma sempre efficace, si susseguono in una infinita galleria di Bellezza e sapienza.»

Scheda
Titolo: Ossimori pittorici
Artista: Luigi De Giovanni
Inaugurazione: 20 ottobre ore 19
Dal 20 al 30 ottobre 2019
Presenta la mostra il giornalista ed editore Raffaele Polo
Allestimento dell’Arch. Stefania Branca
Incursioni poetico sperimentali di Luca Nicoli
Luogo: Fondazione Palmieri, vico dei Sotterranei Lecce
Orari di apertura: tutti i giorni: 17/20:30, la mattina su appuntamento
Info: 3394038939

Post in evidenza

Rosso papavero


Sutta le Capanne du Ripa Piazza del Popolo 21A e Studio 22 Piazza del Popolo 22 – Specchia (LECCE) – cell. 3292370646

Luigi De Giovanni

Rosso papavero

A cura di: e20cult  –  Il Raggio Verde Ed.

Sutta le Capanne du Ripa Piazza del Popolo, 21A

Studio 22 Piazza del Popolo, 22 Specchia (Lecce)

Inaugurazione mostra 11 ottobre ore 10.30

Giornata del contemporaneo 12 ottobre 2019, per l’occasione, apertura dalle ore 10.00 alle 12.00 – dalle 17.00 alle 20.00.

Evento collaterale per la Giornata del contemporaneo: Reading poetico letterario – 12 ottobre ore 18.30

Saluti dell’Amministrazione

 

Allestimento: Arch. Stefania Branca

 

Rosso papavero di Luigi De Giovanni.

Avventurarsi nei campi di papavero per renderli pittoricamente è stato per l’artista emozionante e travolgente. Ha trovato i fiori, accostati l’un l’altro quasi per farsi coraggio nella loro fragilità, che si piegavano alle lievi brezze, li ha inseguiti con pennellate istintive che miravano a fissare atmosfere e non forme, tingendo di rosso le tele con rimandi poetici a significati profondi di guerra, di morte ma anche di conforto. L’artista, in queste opere dipinte con istintività nei capi arrossati, pennellata dopo pennellata ha colto i fiori rossi nella loro bellezza e caducità e nell’inquietudine di antichi dolorosi significati. De Giovanni, con pennellate rapide e pastose, ha segnato i profili delle distese caratterizzate dalle sfumature che tingevano le campagne o le composizioni. Composizioni di fiori semplici, recisi, cercavano di mantenere la naturalezza mentre raccontavano di vita che li abbandonava. I boccioli della forza d’esistere coraggiosamente si aprivano pieni di speranze per reclinarsi poi in un abbandono di morte. Per la giornata del contemporaneo, l’artista realizzerà un’installazione che includerà le opere alle pareti e petali di carta dipinti di rosso, d’un rosso che strariperà per finire su fogli accartocciati e disposti a caso sul pavimento: a caso come i fiori caduti in guerra.

Federica Murgia

 

Sutta le Capanne du Ripa Piazza del Popolo 21A e Studio 22 Piazza del Popolo 22 – Specchia (LECCE)

 

11/10/2019 – 15/10/2019

 

Orario: 10.30/12.00 – 17.00/19:00

Info: cell. 3292370646

 

Post in evidenza

ORIZZONTI CONTIGUI anche LUIGI DE GIOVANNI a Firenze


Sorgente: ORIZZONTI CONTIGUI


GALLERIA D’ARTE MENTANA
Via della Mosca, 5r – FIRENZE
ORIZZONTI CONTIGUI
Rassegna di Arti visive Contemporanee 2018 – 2019
A cura di
Giovanna Laura Adreani, Art Director
OPENING
Galleria d’Arte Mentana
Venerdì 14 Dicembre dalle ore 18.00
OPENING
Borghese Palace Art Hotel
Sabato 15 Dicembre dalle ore 19.00
ORIZZONTI CONTIGUI è il titolo della rassegna che verrà allestita nella città di Firenze nel periodo Natalizio. La mostra si estenderà su due prestigiosi spazi espositivi che, pur differenti tra loro, sotto il profilo della finalità, riescono a dialogare in nome dell’arte.
La storica Galleria d’Arte Mentana e il prestigioso Borghese Palace Art Hotel, struttura ricettiva quattro stelle, in questa occasione ospiteranno opere di artisti internazionali attentamente selezionati.
In questo modo il tempo e lo spazio si dilatano all’infinito inseguendo pensieri, colori e forme che, in fughe metaforiche, riportano al dialogo, per condurre un viaggio interiore ad un percorso espositivo che descriva puntualmente le tendenze artistiche contemporanee. Il clima si fa suggestivo e i cambiamenti repentini riescono ad esaltare l’omogeneità spirituale dell’intento delle due esposizioni.
Giovanna Laura Adreani – Art Director
ARTISTI IN MOSTRA
Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Bianca Vivarelli, Luigi De Giovanni, Julie Redivo, Rosario Bellante, Audrey Trani, Camilla Vavik Pedersen, Daria Gravilina, Carla Castaldo, Roberto Loreto, Wilma Mangani, Giampaolo Talani, Sergio Benvenuti, Salvatore Fiume, Mario Schifano, Riccardo Licata, Piero Dorazio, Ugo Nespolo, Emilio Tadini, Vittorio Tessaro, Antonio Corpora
Galleria d’Arte Mentana – Via della Mosca, 5r – Firenze
Borghese Palace Art Hotel – Via Ghibellina, 174r – Firenze
Telefono +39 055 211985 Fax + 39 055211985 – 335 Cell. + 39 3351207156
www .galleriamentana.it
galleriamentana@galleriamentana.it

Post in evidenza

La mostra prosegue nei due studi di Piazza del Popolo a Specchia (LECCE)


http://www.specchia.it/testo-1.asp?Progr=2488

Il silenzio della solitudine di Luigi De Giovanni

La mostra prosegue nei due studi di Piazza del Popolo a Specchia (LECCE)

Il silenzio della solitudine di Luigi De Giovanni

A cura di: Federica Murgia – e20cult – Sutta Le Capanne du Ripa

Sutta le Capanne du Ripa Piazza del Popolo 21A e Studio 22 Piazza del Popolo 22  Specchia Lecce

Apertura Mostra:

 13/10/2018 ore 10:00

 

L’evento è organizzato in occasione della 14 giornata del contemporaneo promossa da AMACI

 

e20cult – Sutta Le Capanne du Ripa

13 /25 ottobre 2018

Allestimento: Architetto Stefania Branca

Il silenzio della solitudine porta l’artista a riannodare i fili dei suoi pensieri per ancorarli nella memoria e farli riemergere nel momento creativo in climi che raccontano dialoghi interiori: angosce esistenziali o ricerca di sprazzi di aspettative che necessitano d’essere fissate per uscire dai tormenti. Grovigli di sensazioni s’incrociano in racconti che trovano le linee conduttrici in garze che, ricoprendo antichi intrecci di canapa o fili del ricordo, suturano le ferite del tempo che ha deluso i sogni. Per l’artista la ricerca dell’Io si fa urgente in pennellate e segni che vogliono ammantare lo smarrimento creato dagli eventi. Così i fogli si riempiono di filati e colori: di storie che sgorgano accavallandosi e saldandosi precipitosamente sino trovare la conclusione in una catarsi che porta Luigi De Giovanni a sprofondare nei meandri dei suoi turbamenti per ritrovarsi in sensazioni di pacato rasserenamento e di sottile gioia di vivere. I racconti si librano e i fogli prendono vita su stenditoi che attraversano lo spazio seguendo il ritmo di una brezza di speranza che va oltre il tempo per dare, finalmente, voce al silenzio della solitudine.

Attività collaterali

Alle ore 18:30 Reading poetico–letterario, degli autori de “Il Raggio Verde Edizioni, sul tema della solitudine.

Per informazioni

 

Post in evidenza

i luoghi dell’anima 12×12


1 2 Diapositiva1Galleria D’Arte “Mentana”

P.zza Mentana 2/3 r-50122 (Firenze)

telef. 055.211985 – Fax. 055.2697769

http://www.galleriamentana.it

galleriamentana@galleriamentana.it

Inaugurazione: sabato 18 ottobre 2014 ore 18.00

i luoghi dell’anima

12×12

Gallerie In-Contemporanea

18 ottobre 2014 – 12 am – 12 pm

Saletta Mentana

Firenze

La storica galleria d’arte Mentana,opera nel cuore del centro storico di Firenze, nell’omonima piazza tra il Ponte Vecchio e la galleria degli Uffizi. Oltre ad interessarsi di artisti storicizzati, la galleria si occupa in particolare di promuovere e divulgare nuovi talenti dell’arte contemporanea. in questa particolare occasione indetta dalle 12 gallerie associate ANGAMC di Firenze e Prato, che prevede un’intera giornata dedicata all’arte moderna e contemporanea, ho il piacere di presentare due giovani artisti emergenti, Alberto Cecchini e Ghenadie Popic, ai quali faccio i miei più vivi auguri,

Art Director, Giovanna Laura Adreani

Interno saletta

Ghenadie Popic

Vista sull’Arno dal Ponte Vecchio, fotografia digitale Firenze, luogo contemporaneo capace di mutamenti nelle strade anguste e tortuose come all’epoca del Boccaccio, le vie di notte non più invase dall’ arroganza dei motorini diventano vivibili, borghigiane, Firenze svela la sua sapiente piccolezza e la statura del villaggio si riapre insieme alla sua grazia.

Firenze è una commistione incredibile di dottrina e di malizia dialettale.

Mi muove la fantasia questa città occulta, notturna, un agglomerato che nei secoli era destinato ad uscire dal sottosuolo, diventare una delle grandi città del mondo, ma prima, nella secolare infanzia, Florenzia, questa città che quasi non esiste nei testi e nei documenti latini è una città che sotto il suo splendore visibile nasconde secoli di arguto silenzio.

Alberto Cecchini

“Avvalendosi degli strumenti che la psicoterapia della gestalt utilizza per l’indagine, l’autoapprendimento e l’incontro tra luoghi interni e luoghi esterni, l’artista e Psicoterapeuta Alberto Cecchini, svolge un lavoro di consapevolezza dell’individuo attraverso un viaggio nel Sé che diventa arte e, in quanto arte, specchio del proprio mondo che si trasforma e si libera, rendendo all’opera i colori, le forme e la concretezza di un incontro scelto autenticamente.”

Il chiosco sul mare olio su tela cm 100×70

Orario: 11.00/13.00 – 16.30/19.30

Domenica e Lunedi mattina chiuso

Sabato mattina su appuntamento

La mostra sarà visitabile fino al 6 novembre 2014

Nell’ambito di:

12×12 Gallerie

In-Contemporanea

The National Association of Modern and Contemporary Art Galleries hosts a 12-hour art event on Saturday, October 18 that runs from 12 p.m. until 12 a.m. and extends across 11 galleries in Florence and Prato.

12×12 Gallerie In-Contemporanea is dedicated to sharing modern and contemporary art for a day by offering art lovers and collectors the chance to visit the diverse exhibitions showcased by each gallery.

Armanda Gori Arte

UOMINI E COSE

www.armandagoriarte.com

Galleria Alessandro Bagnai

VITTORIO CORSINI: REACHING THE LANDSCAPE

www.galleriabagnai.it

Galleria Frediano Farsetti

UMANI NON UMANI: CLAUDIO ABATE/CARMELO BENE/ MARIO SCHIFANO

www.galleriafredianofarsetti.it

Santo Ficara

ALESSANDRO MENDINI, FRANCESCO CABERLON, STILEMI MODERNI

www.santoficara.it

Eduardo Secci Contemporary

RICHARD DUPONT _ SELFIE

www.eduardosecci.com

Il Ponte

RODOLFO ARICÒ, GERMINATION OF AN IDEA 1964-1972

www.galleriailponte.com

Frittelli Arte Contemporanea

NANNI BALESTRINI – FUORI TUTTO

www.frittelliarte.it

Galleria d’Arte Mentana

CONFRONTO ASTRATTISMO-REALISMO

www.galleriamentana.it

Tornabuoni Arte

ESPRESSIONI CONTEMPORANEE

www.tornabuoniarte.it

OpenArt

PAUL JENKINS – THE SPECTRUM OF LIGHT

www.openart.it

Galleria Poggiali e Forconi

LUIGI GHIRRI – L’IMMAGINE IMPOSSIBILE

www.poggialieforconi.it

Galleria Poggiali e Forconi

Project Room

DANILO BUCCHI – MONOCHROME

www.poggialieforconi.it

FIRENZE

VIA MAGGIO, 51R

  1. (+39) 055283506

October 18 From 12 p.m-12 a.m

IMG_6363 IMG_6501 IMG_6510 IMG_6513 IMG_6560 IMG_6564

Post in evidenza

“Forme e colori dello spirito”


castellocollettivaCastello Risolo

Piazza del Popolo, Specchia (LE)

Con il Patrocinio del comune di Specchia, l’Associazione Culturale “e20cult “ e la Casa Editrice “Il Raggio Verde SRL” presentano le personali in collettiva “Forme e colori dello spirito”. L’evento partecipa alla “Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, giunta alla decima edizione”

“Forme e colori dello spirito”

Inaugurazione: 10 ottobre ore 18,00

Saluti da:

Rocco Pagliara  –  Sindaco di Specchia            Giorgio Biasco   –  Assessore alla Cultura                                                                             Dott. Maurizio Antonazzo – Giornalista – (presenta la serata)                       Federica Murgia – Presidente dell’Associazione Culturale “e20cult” sezione di Specchia Dal 10 al 18 ottobre

L’Associazione Culturale “e20cult” e la casa editrice “Il Raggio Verde SRL” in collaborazione con il comune di Specchia che ha concesso il patrocinio e l’uso gratuito del Castello Risolo, in piazza del Popolo, promuovono una mostra di personali in collettiva dal titolo “Forme e colori dello spirito”.            L’esposizione avrà inizio il 10 ottobre e chiuderà il 18 ottobre, aprendo tutti i giorni dalle ore 18.00 alle 21,00.                                                                           Nella Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, giunta alla decima edizione, 11 ottobre 2014, la mostra rimarrà aperta dalle ore 10,00 alle 12.00 – dalle 16,00 alle 21,00. Nella stessa giornata, nella sala conferenze del Castello Risolo, si terranno degli incontri, dove gli artisti e gli esperti d’arte discuteranno di ’”arte e dei luoghi dell’arte”.                                                                   Ciascuna sala del Castello Risolo di Specchia si animerà dei racconti delle opere di artisti che, pur esprimendosi con diversi linguaggi dell’arte, riescono a far emergere il loro spirito e il loro personale modo di avvertire il mondo e le vicissitudini della vita. Per l’occasione ci saranno personali di: Ute Bruno, Mimmo Camassa, Luigi De Giovanni, Kristine Kvitka, Laura Petracca, Andrea Ritrovato, Roberto Russo, Ada Scupola, Gianni Scupola.

L’esposizione, occasione per la partecipazione alla decima edizione della Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, servirà anche a far conoscere l’edificio quale location espositivo.

Inaugurazione: 10 ottobre ore 18,00

Sabato 11 ottobre 2014, Giornata del Contemporaneo,

dalle ore 10:00 alle ore 12:00 – dalle ore 16,00 alle ore 21,00

Tutti gli altri giorni dalle ore 18,00 alle 21,00

info:

Cell. 3292370646     –     3279583790

info@e20cult.it – lmfedeg@libero.it

http://www.e20cult.it/

manfisto specchiaGDCok

Post in evidenza

Individuazioni Internazionali anche Luigi De Giovanni


img_6350

Galleria D’Arte Mentana

P.zza Mentana 2/3 r – 50122 (Firenze)

telef. 055.211985 – Fax. 055.2697769

http://www.galleriamentana.it

galleriamentana@galleriamentana.it

Individuazioni Internazionali

inaugurazione: Sabato 20 Settembre 2014 Ore 18.00

La mostra sarà visitabile fino al 13 Ottobre 2014

La galleria d’arte Mentana di Firenze, dà inizio alla nuova stagione

espositiva con questa importante mostra dal titolo “Individuazioni Internazionali”.

La rassegna è curata dalla direttrice artistica Giovanna Laura Adreani ed ha come obiettivo la presentazione di artisti contemporanei di culture e provenienze geografiche differenti, che hanno in comune i fermenti e le innovazioni delle arti visive contemporanee. In parallelo alla rassegna Individuazioni, il giorno 11 Ottobre, la galleria Mentana parteciperà alla Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI, associazione dei Musei Italiani, che coinvolgerà 26 spazi museali del nostro territorio. Questa occasione farà si che le opere in mostra siano motivo di segnalazione nell’ambito museale e del relativo data base del comitato scientifico.

Art director, Giovanna Laura Adreani

Artisti: Spazio Galleria (interno galleria)

Paco Seoane (Spagna)

Eva Sánchez Benítez (Spagna)

Frank Sisca (italia)

Fanny Horowitz (israele)

Irene Papini (italia)

Jack Ronnel (israele)

Alessandro Mattia Mazzoleni (italia)

Hilda Vidal (Cuba)

Artisti: Interno Saletta

“Saletta Mentana”

LUIGI DE GIOVANNI (Italia)

FRANCESCA GUETTA (Italia)

Norma DURE’ (Argentina)

MARIA ZASlAVSKAYA – ElENA PRIMASHOVA (Russia)

GIAMMARCO AMICI (Italia)

MARGARET KARAPETIAN (Iran – Italia)

ANNA LUISA ROMA (Italia)

La mostra sarà visitabile nei seguenti orari: 11.00/13.00 – 16.30/19.30

Domenica e Lunedì mattina chiuso

Sabato mattina su appuntamento

Post in evidenza

RIVOLUZIONE sutta le capanne du ripa


https://www.facebook.com/events/273194846133178/?fref=ts

 

 

 

Sutta Le Capanne Du Ripa, Specchia – (Lecce)

via Umberto I

Info: cell. 3292370646; tel. 0833 537034 

E.mail: lmfedeg@libero.it

Sito web: http://www.degiovanniluigi.com 

Artista: Luigi De Giovanni

 

Titolo: Rivoluzione

Inaugurazione: 05 ottobre 2012 ore 19.00

Chiusura: 14 ottobre 2012

Un’installazione e una performance che servono a Luigi De Giovanni per raccontare della povera gente che, pur avendo vissuto la rivoluzione, non conta nulla nella scacchiera di quei pochi potenti che ne decidono, “rimestando” di continuo nel mastello del mondo, le sorti.

Dal 05/10/2012 al 14/10/2012

Dalle 10:30 alle 20:30

Evento organizzato da Il Raggio Verde eventi d’arte (Lecce), in collaborazione con la Galleria  d’Arte Mentana di Firenze, in occasione dell’8° Giornata del Contemporaneo indetta da AMACI Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana: Sabato 6 ottobre 2012.

Allestimento: Arch. Stefania Branca

Luigi De Giovanni

Rivoluzione

L’evento “Rivoluzione” è un momento di denuncia dei drammi dell’umanità auto provocati dall’uomo accecato dall’egoismo e dalla sete di potere. Il concetto è narrato da trentasei tele bianche che interpretano la parola “pace” e da un bidone diventato mastello contenente una melma rossastra, rigirata con un grosso bastone dai visitatori.

Il titolo dà un’idea del sogno che nel tempo ha mosso i popoli che chiedevano d’esistere e che è diventato spesso incubo e tomba dove è seppellito con la giustizia e la fiducia nell’avvenire. Ora non bastano le solite parole che hanno animato gli ideali, troppo spesso crollati il giorno dopo… quel giorno che doveva essere della pace, a giustificare la partecipazione a rivoluzioni vuote come le tele bianche che sperano d’essere colorate da un’ispirazione felice.

Le tele bianche, dove neanche un artista ha voluto dipingere, si animano dalla parola “pace” presagendo venti di dolore. Dolore per un lavoro che manca, per la giustizia che non vede applicati i suoi principi, per la libertà condizionata dai poteri, per gli animi feriti nella speranza: l’oggi è triste, il domani appare minaccioso.

Nel mastello, interprete della terra, si avvertono i fermenti della ribellione contro i soprusi e i gioghi che hanno privato le persone della dignità del lavoro, della libertà, dell’uguaglianza: miraggi infranti che, spesso, hanno precipitato interi paesi in climi medievali. Le mani tengono ben fermo il bastone del potere che nel rimestare forma bolle e grumi minacciosi che si gonfiano sino a esplodere in rivolta incontrollata, essendo venuta a mancare la speranza di cambiamento. È il mastello, vecchio bidone arrugginito e sporco, che nei segni del tempo racconta tristemente di dura fatica mai ricompensata adeguatamente e di sfruttamento doloroso.

Il bastone, sporcato dall’egoismo e dall’arroganza, racconta dei potenti diventati prepotenti senza scrupolo che non si curano delle istanze di quel popolo fiducioso che gli ha scelti. 

Un’installazione e una performance che servono a Luigi De Giovanni per raccontare della povera gente che, pur avendo vissuto la rivoluzione, non conta nulla nella scacchiera di quei pochi potenti che ne decidono, “rimestando” di continuo nel mastello del mondo, le sorti.

Il gesto partirà da un grande bidone, riempito di un denso liquido rosso scuro, situato al centro dello studio con dentro il bastone che servirà a rimestare: l’azione verrà fatta dai visitatori e le poche persone, che riusciranno a usare il “bastone” del potere, rimestando simboleggeranno i potenti che incuranti dei diritti dei poveri, si spartiscono le ricchezze sino a ridurre interi popoli alla fame. Nel pavimento, ricoperto da polveri bianche schizzate di rosso vermiglio e da ombre di colore tetro, si avvertiranno le tracce di rivoluzione anche osservando l’implorazione delle trentasei piccole tele (cm 20×20 ciascuna) che esalteranno la forza delle idee di pace che, purtroppo, svaporano in violenza che si diffonde coinvolgendo sempre più persone del popolo perse nel vuoto: un vuoto che porta molto spesso “dalla padella nella brace”.

                                                                Federica Murgia

20 settembre 2012ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

LUIGI DE GIOVANNI a Firenze


Anche Luigi De Giovanni partecipa alla mostra presso

GALLERIA D’ARTE MENTANA – Via della Mosca, 5r – Firenze
Presenta
Le Vie dell’Arte
OPENING
26 Giugno 2020 Ore 18.00
Eva Breitfuß, Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Camilla Vavik Pedersen, Audrey Traini, Bianca Vivarelli e Luigi De Giovanni, sono gli artisti presenti alla rassegna “Le vie dell’Arte” in atto presso la Galleria Mentana di Firenze.
Gli artisti in mostra con le loro opere ci donano uno spaccato dell’arte di oggi e contemporaneamente il loro Io: racconti di sogni e di mondi caratterizzanti. La magia dei colori e dei segni prende vita in accordi, contrasti, armonie e turbamenti capaci di rendere la personalità e lo stile espressivo di ciascun artista. Le emozioni prendono vita in fantasie e scorci di natura per incontrarsi con elaborazioni del pensiero che danno significato alle opere e alle narrazioni degli artisti che hanno donato la loro anima ai colori. Una ricerca che muovendo dal reale riesce a portare nell’immaginario, sino a perdersi nei sogni e nelle fantasticherie cromatiche. Una pennellata, un segno meditato, un tocco istintivo diventano espressione del personale modo di vivere e fare arte, sino ad arrivare a perdersi nelle sfumature delle tinte con voli di tracce di colore: segno personale di ciascuno dei partecipanti. Una ricerca pittorica, che suscitando emozioni, descrive una società veloce che ha bisogno del web per poter apprezzare e vivere l’arte contemporanea.
La mostra è visitabile anche on line nella nostra piattaforma, dove resterà visibile fino al 16 Settembre 2020.
Eva Breitfuß, Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Camilla Vavik Pedersen, Audrey Traini, Bianca Vivarelli e Luigi De Giovanni, are the artists present at the exhibition “Le vie dell’Arte” currently at Mentana Gallery in Florence. The artists on display with their works give us a glimpse of today’s art and at the same time their ego: tales of dreams and characterizing worlds. The magic of the colors and the signs comes to life in agreements, contrasts, harmonies and disturbances capable of making each artist’s personality and expressive style. Emotions come to life in fantasies and glimpses of nature to meet with elaborations of thought that give meaning to the works and narrations of the artists who have donated their soul to colors. A research that moving from reality manages to bring into the imagination, until it gets lost in dreams and chromatic fantasies. A brushstroke, a thoughtful sign, an instinctive touch become an expression of the personal way of living and making art, until you get lost in the shades of the colors: personal sign of each of the participants. A pictorial research, which arousing emotions, describes a fast society that needs the web to be able to appreciate and experience contemporary art
The exhibition can be visited on line on our on line platform until September 16 th 2020.
GALLERIA D’ARTE MENTANA – Via della Mosca, 5r – Firenze
Tel: 055 211984/3351207156 – Email: galleriamentana@galleriamentana.it http://www.galleriamentana.it
OPENING
26 Giugno 2020 Ore 18.00
La mostra sarà visitabile dal 20 Giugno al 16 Settembre 2020
Orari
11:00 – 13:00 / 16:30 – 19:00 Domenica e Lunedì mattina chiuso
Giovanna Laura Adreani

IL SILENZIO DELLA SOLITUDINE


Il silenzio della solitudine

IMG_2664 copia

Il silenzio della solitudine porta l’artista a riannodare i fili dei suoi pensieri per ancorarli nella memoria e farli riemergere nel momento creativo in climi che raccontano dialoghi interiori: angosce esistenziali o ricerca di sprazzi di aspettative che necessitano d’essere fissate per uscire dai tormenti. Grovigli di sensazioni s’incrociano in racconti che trovano le linee conduttrici in garze che, ricoprendo antiche canape o fili del ricordo, suturano le ferite del tempo che ha deluso i sogni. Per l’artista la ricerca dell’Io si fa urgente in pennellate e segni che vogliono ammantare lo smarrimento creato dagli eventi. Così i fogli si riempiono di filati e colori; di storie che sgorgano accavallandosi e saldandosi precipitosamente sino trovare la conclusione in una catarsi che porta Luigi De Giovanni a sprofondare nei meandri dei suoi turbamenti per ritrovarsi in sensazioni di pacato rasserenamento: di sottile gioia di vivere. I racconti si librano e i fogli prendono vita su stenditoi che attraversano lo spazio seguendo il ritmo di una brezza di speranza che va oltre il tempo per dare, finalmente, voce al silenzio della solitudine.

 

21 luglio 2018                                    Federica Murgia

Continua a leggere “IL SILENZIO DELLA SOLITUDINE”

SPACE AND TIME


Pitture ad olio su tela, tecniche miste su jeans conducono ad una riflessione sulla vita e l’uomo.


“SPACE AND TIME”
Il rapporto “spazio – tempo” è ciò che Luigi De Giovanni coglie e riversa, dopo averlo fatto proprio, nelle sue opere. Queste non sono solo istantanee di ciò che vede, ma, anche, immagini del suo animo: sensibilità che si trasferisce nei colori sino a vivificarli e renderli comunicativi e poetici.
Lo “spazio e il tempo” è colore che cambia nei diversi ambienti, con l’alternarsi del giorno e della notte, con le stagioni, è jeans che parla di luoghi e d’eventi, non sempre belli.
Le pennellate che si sovrappongono, inseguendo la luce o le idee, diventano trasposizioni dei climi temporali che fanno emergere la poetica dello spirito. Mettono in luce, nel groviglio che prende forma, la follia e la cecità del genere umano che non rispetta se stesso e la sua casa: terra.
Osservando la natura ferita, l’artista, riflette amaramente sulla sconsideratezza dell’uomo e trasla i sentimenti nelle sue opere che diventano icone di dolore e di sogni.
Aleggia una lirica cruda, mitigata solo dall’armonia coloristica, in un rimando continuo all’uomo, al tempo e allo spazio.
Il tempo e la natura, spazio vitale, solo apparentemente sconfitti dall‘incoscienza umana, per De Giovanni, hanno sempre ragione e i fatti lo dimostrano.
La linea guida dell’esposizione è data dall’espressività aspra dei jeans che parlano, attraverso colori e segni aggressivi, di sogni infranti che coabitano con nuovi sogni, suggeriti dai paesaggi e dai fiori.
In queste opere si ritrova una narrazione della sterilità dell’animo umano, saccheggiatore non solo dell’ambiente ma, spesso, anche dei sentimenti,
Un’univocità di discorso, poetico e pittorico allo stesso modo, che trova la sua ragione d’essere nell’analisi di “spazio e tempo” che conducono alla vita e alla distruzione di essa.
“Space and time”, dai molteplici significati, titolo della mostra che vuole essere il racconto di come l’artista avverte il mondo e l’arte.
Federica Murgia

DIALOGHI CON IL PAESAGGIO


La mostra “Dialoghi con il paesaggio”,

Specchia il 7/18 ottobre, è la conclusione del progetto, fatto dalla Cooperativa Sociale “Kara Bobowski” di Modigliana e dal “Raggio Verde edizioni” di Lecce, intitolato “Diversità è ricchezza – Romagna Salento A/R” con ospiti d’eccezione il maestro Luigi De Giovanni, con una mostra e un laboratorio sul paesaggio, e Giuseppe Zippo, pastry chef pasticceria “Le Millevoglie” di Specchia.  

L’artista, nello studio “Sutta le Capanne du Ripa”, espone opere legate alla sua ricerca sul paesaggio e il giorno 14 ottobre converserà con i visitatori sul paesaggio salentino.

Luigi De Giovanni, rapito dai panorami dei suoi luoghi, con impulso irrefrenabile prende i suoi pennelli e fissa gli attimi emozionali che lo portano a rincorre i toni del Salento e immergendosi nel paesaggio dalle chiare sfumature abbacinanti ritrova il suo Io: il suo luogo interiore che lo placa da tutte le ansie e da tutti i tormenti. Un ritorno al suo humus, alla madre terra Genius Loci che lo sa nutrire di tutte quelle sensazioni che sanno d’amore e di serenità. Così lui dialogando con il paesaggio dialoga con se stesso e, nell’armonia dei messaggi delle gradazioni alcune volte improvvise e brusche, insegue linee di orizzonti lontani e prossimi dove i di microcosmi di vita pare vogliano fermarsi da soli sulle tele. Nel suo meditare l’artista s’immerge nell’equilibrio della natura scoprendone l’aspetto migliore che gli fa ritrovare il senso della vita. Federica Murgia

SorsiLab

Vetrina che mette in mostra l'Arte contemporanea di qualsiasi forma ed espressione

Mente Virtuale

tutto ciò che vuoi scoprire online, e molto altro!

DE GIOVANNI LUIGI

SUTTA E CAPANNE DU RIPA SPECCHIA LECCE

Simone Morana Cyla Official Blog

Blog ufficiale dell'artista digitale Simone Morana Cyla.

AF78: Fotografia, Scrittura, Video

Appunti, annotazioni, pensieri, vita vissuta da Aurélien Facente, scrittore, blogger, e fotografo/videomaker in un'era complicata come il 21simo secolo.

La Postilla

Web TV - Voci Libere dal Salento

DADAWORD

Vivere e raccontare...

Terracqueo

MultaPaucis

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

Andrea Caredda

Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.” Due frasi, due concetti che definiscono la mia filosofia di cucina. Il tutto condito poi con passione, allegria, costanza, tenacia e grinta e amore

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

the Masterpiece and I

"I want to be able to jump into paintings like Mary Poppins"

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: